Ieri al carcere di Trapani astensione alla mensa

Ieri 100% di adesione all’astensione della mensa in segno di protesta da parte del personale di polizia penitenziaria in servizio al carcere “Pietro Cerulli” di Trapani. “E’ la prova provata che il malessere è annidato ovunque perché hanno disertato la mensa anche lavoratori non iscritti a questo cartello sindacale, ovvero anche quello non sindacalizzato” dichiarano Gaspare D’Aguanno del Sappe, Francesco Ingrassia dell’Osapp, Salvatore Badalucco della Uilpa PolPen, Arcangelo Poma dell’Uspp, Antonino Ficara della Fns Cisl e Salvatore Todaro della Cnpp dopo il primo giorno di astensione della mensa. Una protesta che ha preso il via dallo scorso 1 luglio ed attuata dai lavoratori della polizia penitenziaria contro la situazione organizzativa ed operativa attualmente in atto nel carcere trapanese.

Le polemiche sul direttore

“Abbiamo saputo – commentano i sindacali di Sappe, Osapp, UilPa PolPen, Uspp, Fns Cisl e Cnpp – che l’unico a fruire della mensa è stato il direttore, considerato che ieri pare che pur in forza di tre dirigenti della polizia penitenziaria il comando del reparto è stato affidato ad un ispettore, confermando la netta differenza tra lavoratori e datore di lavoro, cosa che speravamo comunque di non vedere, considerato che credevano di stare tutti nella stessa barca”. Per rifocillare il personale nei turni dalle 8 alle 16 e dalle 16 alle 24, considerato che il bar il più delle volte viene chiuso per esigenze di servizio, è stato approntato un sacchetto di viveri con panini e acqua  per tutti i colleghi in servizio.

I motivi della protesta

La protesta nasce dai disagi e dai rischi a cui gli agenti vanno giornalmente incontro. Poliziotti che operano in vere e proprie trincee a causa delle continue aggressioni e atti di intolleranze dei detenuti che si approfittano della carenza di personale. “E’ apparso bizzarra – concludono D’Aguanno, Ingrassia, Badalucco, Ficara, Todaro – il fatto che per evitare l’astensione delle mensa  proclamato dai sindacati il provveditore ha informato che avrebbe sollecitato il direttore ad indire una riunione, ma nessun accenno è arrivato sia dell’organo regionale che provinciale rispetto le rivendicazioni, confermando ancora una volta la pochezza dell’azione dell’amministrazione, ragion per cui rispediremo al mittente sia l’invito che l’incontro”.(blogsicilia.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.