Il Presidente Mattarella riceve la Polizia Penitenziaria

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto al Quirinale una rappresentanza del Corpo di Polizia Penitenziaria che lunedì prossimo celebrerà il 205° anniversario della sua fondazione. La delegazione, composta da 60 unità di personale rappresentative delle diverse specializzazioni del Corpo, era guidata dal Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Carlo Renoldi.

Il Presidente Mattarella ha ringraziato le donne e gli uomini del Corpo “per l’opera che svolgete con professionalità e dedizione. C’è una peculiarità nell’impegno della Polizia Penitenziaria che richiede professionalità e serietà e che ha consentito in condizioni inedite di superare situazioni non prevedibili. Nei due anni passati, la pandemia nelle carceri ha avuto condizioni più difficili e complesse rispetto ad altri luoghi ed è stato possibile superare ciò grazie alla vostra professionalità a garanzia non solo vostra e dei detenuti, ma anche delle comunità in cui è inserito il detenuto”.

“Questa importante Istituzione, che oggi ho il privilegio di guidare – ha detto Renoldi nel corso del suo breve intervento – ha contribuito in questi anni allo sforzo di tutte le istituzioni democratiche di garantire, dinnanzi alle sfide dell’emergenza sanitaria, la sicurezza dei cittadini e il rispetto della legalità in quei luoghi, affatto peculiari, che sono i nostri Istituti penitenziari” .

“Oggi è al Suo cospetto – ha concluso il Capo del Dap – una piccola rappresentanza di quelle donne e di quegli uomini, per rinnovare alla Sua presenza la promessa di un impegno che con orgoglio sapremo, come sempre, onorare, da Servitori della Repubblica e della sua Costituzione”.

Al Capo dello Stato è stata donata una statuetta in argento raffigurante San Basilide – proclamato nel 1948 patrono del Corpo degli Agenti di Custodia, oggi Polizia Penitenziaria, di cui il 30 giugno si celebra la festa – realizzata nel laboratorio della Casa Circondariale di Roma Rebibbia Nuovo Complesso.(gNews)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.