All’incontro fra il Presidente del Consiglio delle Marche e la polizia penitenziaria ha partecipato anche il Garante regionale dei diritti della persona

Incontro tra il presidente del Consiglio regionale delle Marche Dino Latini, il Garante regionale dei Diritti della persona Giancarlo Giulianelli e i rappresentanti sindacali della Polizia penitenziaria. Sul tavolo i temi della sanità carceraria e delle attività socialmente utili da destinare ai detenuti.

Il Presidente del Consiglio regionale delle Marche incontra la Polizia penitenziaria

“Nostro intento – spiega il presidente del Consiglio regionale Dino Latini – è recepire le istanze per agevolare e rendere migliore il servizio di polizia penitenziaria. E anche in conseguenza di questi momenti di confronto, monitorare il grado di qualità ed efficienza delle strutture penitenziarie”.  Latini ha incontrato i rappresentanti dei sindacati confederali e autonomi di polizia penitenziaria alla presenza del Garante regionale dei diritti Giancarlo Giulianelli. Al centro dell’attenzione le tematiche relative alla sanità carceraria e alle attività socialmente utili, in funzione rieducativa e di una concreta possibilità di reinserimento sociale.

Rispetto al primo tema si è parlato, in particolare, della gestione delle diverse patologie presenti carcere, di telemedicina, dell’ipotesi di attivazione di una corsia preferenziale per l’accesso ai pronto soccorso. E della questione relativa alla presenza di una apposita camera di sicurezza presso l’ospedale di Ancona Torrette.

E’ stata inoltre sottolineata l’esigenza di poter occupare più ampiamente i detenuti in attività socialmente utili, di formazione e culturali, nella prospettiva di un concreto reinserimento attraverso iniziative che possano fornire sbocchi occupazionali reali. In proposito si è anche parlato della possibile stesura di un protocollo di intesa che coinvolga Regione Marche, amministrazione penitenziaria, sindacati, ambiti sociali e altri soggetti al fine di disciplinare dettagliatamente le modalità di svolgimento.(primapaginaonline)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.