Assenza in pianta stabile di direttore e comandante del reparto di polizia penitenziaria..

News Ultim' ora

Assenza in pianta stabile di direttore e comandante del reparto di polizia penitenziaria..

Camera dei  deputati , interrogazioni degli Onorevoli ZANGRILLO, PELLA, ROSSO e SOZZANI al Ministro della giustizia sulla situazione della  casa circondariale di Brissogne in Valle d’Aosta

ZANGRILLO, PELLA, ROSSO e SOZZANI. —

Al Ministro della giustizia. —

Per sapere –

premesso che:

la casa circondariale di Brissogne, unico istituto penitenziario presente in Valle d’Aosta, risente pesantemente, nell’ambito del suo corretto funzionamento, dell’assenza in pianta stabile di figure di vertice quali il direttore ed il comandante del reparto di polizia penitenziaria; dal 2014 sia la direzione della struttura, che il comando del reparto sono affidati a dirigenti in missione, quindi reggenti, che per effetto di doppi se non a volte tripli incarichi, riescono a garantire la loro presenza in loco al massimo per otto giorni al mese; l’organico di polizia penitenziaria in servizio all’interno del carcere valdostano, già oggetto di un drastico taglio per effetto della cosiddetta « Legge Madia », attualmente risente della carenza di ben 30 unità di personale, nei vari ruoli, su una pianta organica di 158 unità; le iniziative di reinserimento sociale e lavorativo delle persone recluse all’interno della casa circondariale di Brissogne stentano a decollare, anche per via dell’altissimo turn-over degli stessi detenuti, provenienti per il 90 per cento da sfollamenti di carceri piemontesi, liguri e lombardi; l’istituto penitenziario valdostano, operativo dal 1984, patisce ormai da anni l’assenza cronica di interventi di manutenzione, sia ordinaria che straordinaria, sulle sue strutture, con conseguenti criticità del tutto evidenti e impattanti sul regolare funzionamento quotidiano della casa circondariale, come, ad esempio, l’impianto di videosorveglianza fuori uso da circa un decennio, l’impianto idraulico in pessime condizioni a causa delle numerose perdite, la caserma agenti in parte inutilizzabile per via delle molteplici carenze manutentive e la pavimentazione dei locali passeggi ormai completamente da ripristinare a causa degli effetti degli eventi atmosferici –:

se sia intenzione del Ministro interrogato attivarsi immediatamente ed in maniera urgente, di fronte ad una situazione di degrado oggettivamente grave e non più tollerabile, affinché la casa circondariale di Brissogne possa tornare ad avere un direttore e un comandante del reparto di polizia penitenziaria assegnati in pianta stabile, possa essere finalmente destinataria dei fondi necessari per tutti quegli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle sue strutture che per anni non sono stati eseguiti, anche in relazione al recupero della caserma agenti e dei servizi connessi e possa altresì essere riconosciuta quale « sede disagiata » per il personale che vi presta quotidianamente servizio all’interno, considerate le sue caratteristiche del tutto particolari, anche in relazione alla sua collocazione sul territorio. (4-06708)