Coronavirus: entrata in servizio per 1100 agenti della Penitenziaria

News Ultim' ora

Oltre mille e cento nuovi agenti di Polizia Penitenziaria raggiungeranno presto la loro sede di destinazione negli istituti penitenziari italiani: E’ quanto prevede il decreto firmato dal ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. Il provvedimento consente di anticipare eccezionalmente, in considerazione dell’emergenza Coronavirus, la conclusione del periodo di formazione per gli allievi agenti della polizia penitenziaria.

Per il Guardasigilli quest’accelerazione “permetterà di immettere un rilevante numero di poliziotti penitenziari negli istituti: risorse giovani, in grado di contribuire a innalzare il livello di sicurezza e dare ossigeno al sistema penitenziario, specialmente in questo delicato momento di emergenza sanitaria per il Paese”. Il Ministero – ha aggiunto Bonafede – “sta lavorando incessantemente per tutelare la sicurezza e la salute di chi lavora e vive all’interno delle carceri”. I nuovi agenti arriveranno dal 176° corso, 176 alla scuola di Cairo Montenotte, 52 a Verbania e 85 a Catania (per un totale di 313 allievi) – che martedì prossimo, 17 marzo, sosterranno l’esame conclusivo.

A loro si aggiungeranno 813 allievi del 177° corso – di cui 110 a Catania, 127 a Sulmona, 160 a Verbania, 114 a Parma, 99 a Portici e 203 a Roma – che, grazie al decreto firmato dal ministro della Giustizia, concluderanno il loro periodo formativo il prossimo 20 marzo, invece che a giugno. Presto, grazie a un provvedimento del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, potranno sostenere l’esame finale, ottenere l’idoneità al servizio di Polizia Penitenziaria e prestare giuramento.(gNews)