Serve carcere nuovo ,continua la polemica per l’accesso Ztl a pagamento per gli agenti della polizia penitenziaria ……

News Ultim' ora

Serve carcere nuovo con accesso  Ztl a pagamento per gli agenti della polizia penitenziaria, continua la polemica sul carcere di……

San Giorgio, Lega: “Serve carcere nuovo con accesso gratuito per gli agenti”

L’appello di Montemagni e Minniti per una struttura più moderna e attrezzata

Carenza di personale, struttura non adatta e Ztl a pagamento per gli agenti della polizia penitenziaria, continua la polemica sul carcere di Lucca da parte della Lega. Gli esponenti Elisa Montemagni, capogruppo in consiglio regionale, e Giovanni Minniti, capogruppo in consiglio comunale a Lucca, hanno infatti svolto un sopralluogo nel carcere di San Giorgio di Lucca per approfondire le tematiche già emerse in occasione del primo incontro dello scorso dicembre.

“Come Lega ci stiamo attivando per riportare all’attenzione degli Enti competenti il progetto della costruzione di un nuovo carcere sul territorio, più moderno e attrezzato, ma soprattutto più funzionale alle esigenze della polizia penitenziaria e delocalizzato rispetto al centro abitato. Le condizioni sono al limite e questo nonostante la nuova direttrice si stia impegnando enormemente per migliorarle – spiega Montemagni – un progetto già esisteva, per cui erano stati destinati milioni di euro e acquistati i terreni, un’occasione che però abbiamo perso a causa del centrosinistra locale”.

“Sottolineo che come Lega parliamo di nuovo carcere, costruito appositamente, e non del recupero forzato di altre strutture, che probabilmente nel medio termine riproporrebbero i medesimi problemi di funzionalità e che potrebbero richiedere molti più investimenti”, precisa la Capogruppo regionale.

“Troviamo assurdo che gli agenti di servizio al carcere di San Giorgio siano costretti a pagare l’accesso alla Ztl per poter raggiungere il luogo di lavoro, costringendo qualcuno addirittura a parcheggiare fuori dalle mura – prosegue Minniti – questo in considerazione del fatto che non solo non occupano posti destinati ai residenti e svolgono una funzione di pubblica sicurezza, ma soprattutto perché la delicatezza del loro lavoro imporrebbe ben altro per la loro tutela. Mi sto personalmente attivando affinché questa situazione venga risolta quanto prima”.(luccaindiretta.it)