Conferenza con il Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione Giovanni Salvi , per gli 80 commissari del ruolo ad esaurimento del Corpo di Polizia Penitenziaria

News Ultim' ora

Conferenza di Giovanni Salvi alla Scuola dell’Esecuzione Penale

Giovedì scorso il neo Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione Giovanni  Salvi, accolto da Riccardo Tuttini Vita direttore della Scuola Superiore dell’Esecuzione Penale “Piersanti Mattarella”, ha tenuto una conferenza ai funzionari frequentanti il corso per 80 commissari del ruolo ad esaurimento del Corpo di Polizia Penitenziaria sul tema: “La vigilanza e le competenze disciplinari del Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello”.Per Giovanni Salvi si è trattata di una delle prime uscite ‘pubbliche’ dopo che, il 14 novembre scorso, a maggioranza il plenum del Csm, presieduto dal capo dello Stato, Sergio Mattarella, l’aveva nominato Pg della Suprema Corte. In quel caso è stata utilizzata l’espressione di “papa straniero”in quanto Salvi non è un membro interno del Consiglio, e si tratta della prima volta che l’incarico viene conferito a un “esterno”.La sua lunga carriera in magistratura (40 anni di servizio) è segnata da due costanti: il legame con Roma, sua città di adozione, e con le funzioni di pubblico ministero, che non ha mai smesso se non per brevissimi periodi. Nato a Lecce, 67 anni fa, Giovanni Salvi è arrivato alla procura di Roma nel 1984 e ci è rimasto per 20 anni. Un lunghissimo arco di tempo in cui si è occupato di indagini delicate, come quelle sulla strage di Ustica, gli omicidi di Mino Pecorelli e Roberto Calvi e di inchieste sui Nar e le Br.