Trasporto pubblico ,rinnovata per il 2020 la convenzione per Polizia dello Stato, Carabinieri, Carabinieri Forestali, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria……

News Ultim' ora

Trasporto pubblico ,rinnovata per il 2020  la convenzione per  Polizia dello Stato, Carabinieri, Carabinieri Forestali, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria……

TRASPORTI, QUASI 1 MILIONE E MEZZO PER AUMENTARE LA SICUREZZA A BORDO DI TRENI E BUS

FIRENZE – La sicurezza a bordo di treni e autobus è una priorità e la Regione Toscana, consapevole di quanto sia importante garantire serenità all’utenza ed ai lavoratori dei servizi di trasporto pubblico locale, ha deciso di andare oltre quelle che sarebbero le sue competenze ed investire ulteriori risorse proprie aggiuntive per aumentare il controllo a bordo e nelle stazioni, in collaborazione con le aziende di trasporto, con la consapevolezza che la tutela dei cittadini richiede un’azione coordinata e congiunta da parte di tutti i soggetti interessati, a cominciare dalle forze di polizia.

Secondo la Polfer in Toscana, da gennaio al 31 agosto di quest’anno, sono stati denunciati 35 episodi di aggressione, fisica o verbale, di cui 32 a bordo dei treni e 3 in stazione. In particolare ci sono stati 15 casi di spintonamenti, strattonamenti e schiaffi, 20 di minacce e oltraggio. A questi episodi, denunciati, si aggiungono quelli rimasti nell’ombra o situazioni di tensione e disagio che anche se non costituiscono reato possono minare il senso di sicurezza e la serenità del viaggio, creando anche un deterrente all’uso del mezzo pubblico. E la stessa cosa vale per il servizio di trasporto pubblico locale su gomma, dove si sono registrato numerosi casi di aggressioni, spesso ai danni di conducenti e controllori che hanno riportati ferite e contusioni (l’ultimo dei quali a Bibbiena sabato 14 settembre).

Per dare un segnale chiaro agli utenti del servizio, la Regione ha deciso di incrementare le risorse destinate alla prevenzione dei reati con un investimento di circa 1.400.000 euro per consentire alle aziende di aumentare i servizi di controllo e di ‘tutela’ dell’utenza, anche grazie A personale assunto dalle aziende con questa specifica funzione.

Tutte le azioni pensate per aumentare la sicurezza su treni e bus sono state illustrate e discusse nella ‘Cabina di regia sulla sicurezza a bordo treni e dei mezzi di trasporto pubblico locale’ coordinata dal Prefetto di Firenze con la partecipazione di tutte le Prefetture della Toscana, del questore di Firenze, della Polfer, di Trenitalia, Rfi, delle aziende di trasporto pubblico su gomma e delle organizzazioni sindacali di settore.

“Un servizio di qualità deve per forza essere anche un servizio in sicurezza – ha detto l’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli – per questo abbiamo scelto di confermare la convenzione che permette agli agenti delle forze di pubblica sicurezza di viaggiare gratuitamente sui treni in Toscana, a patto che si rendano disponibili ad intervenire in caso necessità ed abbiamo inoltre potenziato i servizi di assistenza e sicurezza aziendale di Trenitalia, permettendo l’assunzione di altre 6 ‘pettorine rosse’, cioè addetti ai servizi di assistenza alla clientela, e altre 8 ‘pettorine blu’, cioè addetti alla sicurezza, che entreranno in servizio sui treni e nelle stazioni toscane”.

“Inoltre per la prima volta – ha aggiunto Ceccarelli – è stato finanziato anche un progetto per la sicurezza sui bus, che prevede anche personale di sicurezza sulle linee segalate come più critiche dagli autisti e dale aziende di trasporto. Queste figure dovranno prevenire situazioni critiche e rischiose per la sicurezza dei passeggeri e del personale. Ricordiamoci che anche i lavoratori sono spesso oggetto di violenze, aggressioni o intimidazioni e tutto questo non è accettabile. La Toscana sta investendo molto, andando anche oltre le proprie competenze, per migliorare il trasporto pubblico locale ed anche questi progetti vanno in questa direzione”.

Trasporto su ferro:

Con un investimento di 400.000 euro è stata rinnovata per il 2020 la convenzione sottoscritta dalla Regione con Trenitalia e cinque corpi di pubblica sicurezza toscani (Polizia dello Stato, Carabinieri, Carabinieri Forestali, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria) per consentire agli agenti di pubblica sicurezza il libero accesso sui treni regionali in cambio della loro disponibilità a qualificarsi come membri delle forze dell’ordine ed intervenire in caso di minacce alla sicurezza dei passeggeri o del personale in servizio.

Gli agenti a bordo treno saranno autorizzati ad intervenire non soltanto in caso di reati veri e propri, ma anche in situazioni ‘spiacevoli’ per l’utenza o nel caso qualcuno salga a bordo per chiedere denaro ai passeggeri (negli ultimi 2 anni le forze dell’ordine a bordo dei treni grazie alla convenzione con la Regione e Trenitalia sono intrevenute 450 volte).

Gli agenti si attiveranno su richiesta del capotreno o per loro stessa iniziativa (nel caso in cui ne valutino la necessità). Saranno chiamati anche ad aiutare nell’identificazione dei viaggiatori sprovvisti di biglietto o con titolo di viaggio irregolare e per far scendere dal treno i passeggeri dei quali il personale addetto, per vari motivi, chiederà l’allontanamento.

Per facilitare gli interventi e migliorare la comunicazione tra il capotreno e gli agenti delle forze dell’ordine presenti a bordo, è stata recentemente proposta da Trenitalia l’installazione sugli smartphone dei soggetti coinvolti di una di una App che in caso di bisogno invii velocemente la richiesta di intervento. E’ già stata predisposta e presentata alle forze dell’ordine una modifica in tal senso della convenzione attuale, si attendono valutazione e l’approvazione da parte dei Comandi centrali.

Con altri 700.000 euro (350.000 per l’annualità 2019 e 350.000 per il 2020) è stato inoltre varato dalla Regione il progetto ‘MuoversinToscana più sicuri’ (DGR N 844 del 25/06/2019), che estende e potenzia il progetto di Trenitalia ‘Sicurezza e Caring’ visti i buoni risultati ottenuti ed il gradimento da parte dei viaggiatori. Con le risorse aggiuntive che la Regione trasferirà al gestore del trasporto ferroviario saranno dunque aumentati:

i punti di assistenza alla clientela (6 addetti in aggiunta agli attuali 17, facilmente individuabili grazie alla pettorina rossa) presso le stazioni ferroviarie di Arezzo, Siena e Grosseto (ed altre a seconda della necessità) oltre a Firenze Santa Maria Novella e Pisa Centrale già interessate dal progetto di Trenitalia;
le squadre itineranti di addetti alla sicurezza (8 unità, in aggiunta alle 16 già assunte da Trenitalia, individuabili dalle pettorine blu) che saliranno anche a bordo treno e oltre ad assistenza la clientela potranno controllare i biglietti e dissuadere, anche solo con l’azione di presidio, eventuali malintenzionati.

Trasporto su gomma:

Con un investimento di 300.000 euro la Regione sta per avviare un proprio progetto per aumentare la sicurezza e scoraggiare i malintenzionati anche a bordo dei bus. Così come accade per il trasporto ferroviario, anche in questo caso è essenziale la collaborazione del gestore dl servizio, attualmente One scarl, l’impresa che raccoglie tutte le attuali aziende di trasporto pubblico su gomma in Toscana e che è titolare del contratto-ponte con la Regione Toscana.

Dato che il contratto-ponte è in scadenza al 31 dicembre prossimo, il protocollo che attiva il nuovo progetto per la sicurezza sarà firmato a breve e le risorse destinate serviranno per avviare una primissima fase sperimentale entro la fine dell’anno. Grazie alle nuove risorse destinate dalla Regione, che si vanno a sommare a quelle già patuite per il servizio, il gestore del trasporto finanzierà:

attività di formazione per il personale viaggiante, finalizzate soprattutto alla gestione di situazioni potenzialmente aggressive ed alla mediazione dei conflitti;
l’installazione di protezioni e barriere a tutela del posto di guida del posto di guida sugli autobus urbani;
l’installazione di telecamere a bordo;
una campagna di sensibilizzazione sulla tutela del viaggiatore a bordo
il monitoraggio, anche in collaborazione con le forse dell’ordine, delle corse più critiche;
la presenza a bordo di veri e propri addetti alla vigilanza che, in analogia con il lavoro svolto dalle ‘pettorine blu’ sui treni e nelle stazioni, offriranno assistenza alla clientela e controlleranno che non vi siano situazioni critiche, scoraggiando eventuali malintenzionati.