Rimodulazione degli stanziamenti per la revisione dei ruoli e delle carriere e per i compensi per lavoro straordinario delle Forze di polizia e delle Forze armate

News Ultim' ora

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Numero 222 del 21 settembre il DECRETO-LEGGE 21 settembre 2019, n. 104  .Nel Decreto e’ contenuto le il provvedimento per la rimodulazione degli stanziamenti per la revisione dei ruoli e delle carriere e per i compensi per lavoro straordinario delle Forze di polizia e delle Forze armate

Disposizioni urgenti per il trasferimento di funzioni e per la riorganizzazione dei Ministeri per i beni e le attivita’ culturali, delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, dello sviluppo economico, degli affari esteri e della cooperazione internazionale, delle infrastrutture e dei trasporti e dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, nonche’ per la rimodulazione degli stanziamenti per la revisione dei ruoli e delle carriere e per i compensi per lavoro straordinario delle Forze di polizia e delle Forze armate e per la continuita’ delle funzioni dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni. (19G00112)

  1. Le risorse del fondo di cui all’articolo 35 del decreto-
    legge 4 ottobre 2018, n. 113, convertito, con modificazioni,
    dalla legge 1° dicembre 2018, n. 132, sono determinate
    in euro 68,70 milioni per l’anno 2019, di cui euro
    49,70 milioni in conto residui, euro 119,08 milioni per
    l’anno 2020, euro 118,97 milioni per l’anno 2021, euro
    119,21 milioni per l’anno 2022, euro 119,30 milioni per
    l’anno 2023, euro 119,28 milioni per l’anno 2024, euro

118,99 milioni per l’anno 2025, euro 119,19 milioni per
l’anno 2026, euro 118,90 milioni per l’anno 2027, euro
119,27 milioni annui a decorrere dall’anno 2028.

Ai sensi dell’articolo 17, comma 2, della legge
31 dicembre 2009, n. 196, al fine di garantire copertura
finanziaria all’attuazione della delega di cui all’articolo
1, comma 2, lettere a) e b) , della legge 1° dicembre
2018, n. 132, le risorse iscritte sul fondo di cui al comma
1, sono ridotte di euro 8.000.000 per l’anno 2019, di
euro 7.000.000 per l’anno 2020, di euro 6.000.000 per
l’anno 2021, di euro 7.000.000 per l’anno 2022 e sono incrementate
di euro 17.000.000 per l’anno 2023 e di euro
11.000.000 per l’anno 2024.

Il Fondo per interventi strutturali di politica economica,
di cui all’articolo 10, comma 5, del decreto-legge
29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni,
dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307, è incrementato di
euro 6.500.000 per l’anno 2019, di euro 4.500.000 per
l’anno 2020, di euro 3.500.000 per l’anno 2021 e di euro
3.800.000 per l’anno 2022.

Agli oneri derivanti dai commi 2 e 3 pari a euro
6.500.000 per l’anno 2019, di euro 4.500.000 per l’anno
2020, di euro 3.500.000 per l’anno 2021 e di euro
3.800.000 per l’anno 2022, a euro 17.000.000 per l’anno
2023, a euro 11.000.000 per l’anno 2024, si provvede:
a) quanto a euro 8.000.000 per l’anno 2019, a euro
7.000.000 per l’anno 2020, a euro 6.000.000 per l’anno
2021, a euro 7.000.000 per l’anno 2022, mediante riduzione
delle risorse del fondo di cui al comma 1;
b) quanto a euro 17.000.000 per l’anno 2023 e a
euro 11.000.000 per l’anno 2024 mediante corrispondente
riduzione del Fondo per interventi strutturali di politica
economica, di cui all’articolo 10, comma 5, del decretolegge
29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni,
dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307.

Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato
ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni
di bilancio.

Al fine di soddisfare le esigenze di pagamento dei
compensi per prestazioni di lavoro straordinario svolte
dal personale delle Forze armate di cui all’articolo 1,
comma 688, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, così
come incrementato dall’articolo 27, comma 1, del decreto-
legge 18 aprile 2019, n. 32, convertito, con modificazioni,
dalla legge 14 giugno 2019, n. 55, e dall’articolo
10 del decreto-legge 14 giugno 2019, n. 53, convertito,
con modificazioni, dalla legge 8 agosto 2019, n. 77, è autorizzata
la spesa aggiuntiva per un importo complessivo
di euro 4.645.204 per il periodo dal 1° luglio al 31 dicembre
2019.

Agli oneri derivanti dal comma 6, pari ad euro
4.645.204, si provvede con le risorse iscritte sullo stato
di previsione del Ministero della difesa per l’anno 2019,
mediante riduzione di euro 3.737.108 sul fondo di cui
all’articolo 613 del decreto legislativo 15 marzo 2010,
n. 66 e di euro 908.096 sul fondo di parte corrente alimentato
dalle risorse rinvenienti dal riaccertamento dei residui passivi, istituito ai sensi dell’articolo 34 -ter , comma

5della legge 31 dicembre 2009, n. 196 e successive modificazioni

Clicca il link per leggere la Gazzetta Ufficiale