”Emergenza gestita con grande professionalità, serve organico di Polizia Penitenziaria effettivo…..

News Ultim' ora

“Emergenza gestita con grande professionalità, serve organico di Polizia Penitenziaria effettivo

Perugia. Verini e Ginetti (Pd) in visita al carcere di Capanne

“Emergenza gestita con grande professionalità. Serve organico effettivo”. I parlamentari dem umbri Walter Verini e Nadia Ginetti hanno incontrato questa mattina la direttrice del carcere di Perugia Bernardina di Mario, insieme ai comandanti Brillo e Tosoni e ad alcuni agenti di polizia penitenziaria dopo i fatti dell’altro giorno.

“Abbiamo sentito il dovere – sottolineano Verini e Ginetti – di assicurare la nostra vicinanza e il nostro sostegno a tutti coloro che operano in un’istituzione modello come il carcere di Perugia dopo eventi che evidentemente hanno colpito e scosso; e insieme di mobilitarci, mettendo in pratica quanto è nelle nostre competenze e possibilità, per risolvere le criticità.

Abbiamo registrato la grande professionalità con la quale in queste ore si sono governati momenti drammatici di emergenza. Ora, però, pensiamo ci sia bisogno urgente di assumere provvedimenti immediati, come abbiamo già avuto modo di segnalare direttamente al ministro Bonafede nelle ore passate e che torniamo a sottolineare.

Su tutti la garanzia di un organico effettivo e operativo, perché non basta fare la pianta organica se poi questa rimane sulla carta e il personale non c’è o non è messo nelle condizioni di svolgere al meglio le proprie funzioni. Abbiamo chiesto, poi, che il carcere di Perugia non sia un luogo di compensazione rispetto alle difficoltà di altri istituti, con il rischio di concentrare detenuti difficilmente gestibili.

Servono, quindi, maggiori risorse dal provveditorato per far lavorare e formare i detenuti, perché più lavoro e più formazione per i detenuti significano non solo un clima più sereno nelle carceri, ma soprattutto meno tendenza a tornare a delinquere e una società più sicura.

Abbiamo chiesto, infine, di attuare da subito i protocolli regionali per l’assistenza e la prevenzione psichiatrica. Siamo convinti – concludono Verini e Ginetti – che al di là della chiusura positiva dei gravi eventi dei giorni scorsi, sia necessario praticare nel migliore dei modi possibili e con tutti gli strumenti a disposizione l’articolo 27 della Costituzione, che individua nel carcere un istituto di pena ma anche e soprattutto di rieducazione.

Gli impegni in questo senso messi in essere negli anni in cui siamo stati al governo sono stati completamente disattesi e minati negli ultimi 14 mesi dall’ormai ex ministro “dell’Insicurezza” Salvini: sminuire il ruolo rieducativo delle carceri e dire ‘buttiamo via la chiavè significa rendere la società più insicura e il paese più incivile”.(umbriadomani.it)