Dodici nuovi agenti di Polizia Penitenziaria per le carceri di…..

News Ultim' ora

Dodici nuovi agenti per le carceri di Varese e Busto, 115 in tutta la Lombardia

Quattro rinforzi per la casa circondariale di Varese e otto per quella di Busto Arsizio. L’onorevole Tarantino (Lega): «Una prima risposta alla carenza di organico ereditata dal passato»

Sono 115 (97 uomini e 18 donne) i nuovi agenti di Polizia penitenziaria che arriveranno a seguito delle nuove assegnazioni nelle strutture carcerarie della Lombardia a partire dai primi giorni di agosto, dopo il giuramento del 31 luglio scorso. Di questi, 12 saranno assegnati a istituti carcerari varesini: 4 a Varese e 8 a Busto Arsizio. 

«Si tratta di una prima risposta – afferma l’onorevole Leonardo Tarantino, deputato della Lega eletto in provincia di Varese – alla cronica carenza di agenti lamentata a ragione dagli attuali organici, determinata da irresponsabili disattenzioni e tagli indiscriminati al personale operati dai passati governi. L’attuale governo punta a migliorare la vita degli agenti e ad accrescere la loro sicurezza, oltre che a rendere più accettabili le condizioni di vita negli Istituti penitenziari».

Dopo questo primo contingente, composto dagli allievi del 175esimo corso, sarà la volta degli allievi del 176esimo, 320 dei quali si trovano già alle scuole di formazione per il corso di addestramento, mentre per altri 980 i corsi inizieranno dal prossimo 16 settembre. In questi giorni, poi, si sta svolgendo un nuovo concorso per altri 754 nuovi allievi agenti

«Anche per le strutture carcerarie varesine arriva una prima boccata di ossigeno. In questo primo anno di legislatura ho conosciuto la situazione di precarietà con cui operano gli agenti di polizia penitenziaria – conclude Tarantino – Proprio in occasione della mia visita, nello scorso autunno, nel carcere di Busto Arsizio ho avuto l’occasione di confrontarmi col direttore e con gli agenti. Il buon funzionamento delle nostre strutture carcerarie non deve più essere basarsi solo sulla buona volontà e sull’impegno di pochi agenti che sopperiscono a carenze strutturali».(varesenoi.it)