Polizia penitenziaria . Conversione in legge del decreto-legge 14 giugno 2019, n. 53 Disposizioni urgenti in materia di ordine e sicurezza pubblica

News Ultim' ora

Polizia penitenziaria  . Conversione in legge del decreto-legge 14 giugno 2019, n. 53 Disposizioni urgenti in materia di ordine e sicurezza pubblica

Di seguito gli emendamenti presentati in aula inerenti   la conversione in legge del decreto-legge 14 giugno 2019, n. 53 disposizioni urgenti in materia di ordine e sicurezza pubblica

Dopo l’articolo 2, aggiungere il seguente:

Art. 2-bis.

1. Il comma 1 dell’articolo 5, delle Norme di attuazione, di coordinamento etransitorie del codice di procedura penale, di cui al decreto legislativo 28 luglio1989, n. 271, è sostituito con il seguente:

«1. Le sezioni di polizia giudiziaria sono composte dagli ufficiali e dagli

agenti di polizia giudiziaria della polizia di Stato, dell’Arma dei carabinieri; delcorpo della guardia di finanza e del corpo di polizia penitenziaria».

2. 014. Sisto, Calabria, Milanato, Santelli, Sarro, Tartaglione.

Dopo l’articolo aggiungere il seguente:

Art. 7-bis.

1. Al fine di corrispondere alle contingenti e straordinarie esigenze connesse all’espletamento dei compiti istituzionali della Polizia di Stato, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e della Polizia penitenziaria, per l’acquisto e il potenziamento dei sistemi informativi per il contrasto del terrorismo internazionale, ivi compreso il rafforzamento dei nuclei «Nucleare-Batteriologico-Chimico-Radiologico» (NBCR) del suddetto Corpo e il potenziamento dei Nuclei investigativi Centrale e regionali e i relativi mezzi della Polizia penitenziaria, nonché per il finanziamento di interventi diversi di manutenzione straordinaria e adattamento di strutture ed impianti, è autorizzata in favore del Ministero dell’interno e del Ministeri della giustizia, la spesa complessiva di 19.000.000 euro per l’anno 2018 e di 61.150.000 euro per ciascuno degli anni dal 2019 al 2025, da destinare:

a) quanto a 10.500.000 euro per l’anno 2018 e a 36.650.000 euro per ciascuno degli anni dal 2019 al 2025, alla Polizia di Stato;

b) quanto a 4.500.000 euro per l’anno 2018 e a 12.500.000 euro per ciascuno degli anni dal 2019 al 2025, al Corpo nazionale dei vigili del fuoco;

c) quanto a 4.000.000 euro per l’anno 2018 e a 12.000.000 euro per ciascuno degli anni dal 2019 al 2025, alla Polizia penitenziaria.

Conseguentemente, all’articolo 39, comma 1, lettera b), sostituire le parole:

quanto a 15.150.000 per l’anno 2018 e a 49.150.000 euro per ciascuno degli anni dal 2019 a 2025, con le seguenti: quanto a 19.150.000 per l’anno 2018 e a 61.150.000 euro per ciascuno degli anni dal 2019 a 2025.

7. 046. Sisto, Calabria, Milanato, Santelli, Sarro, Tartaglione.

Art. 7-bis.

All’articolo 33, del decreto-legge 4 ottobre 2018, n. 113, convertito, con modificazioni, dalla legge 1o dicembre 2018, n. 132, dopo il comma 1,

aggiungere il seguente:

«1-bis. Le risorse di cui al comma 1 sono altresì destinate al monitoraggio del fenomeno del radicalismo islamico e della criminalità organizzata, non ché del controllo dei detenuti sottoposti al regime di cui all’articolo 41-bis della legge 26 luglio 1975, n. 354, e dei terroristi in carcere, oltre che all’espletamento delle attività investigative delegate al Corpo di Polizia penitenziaria dall’autorità giudiziaria e Pag. 78 svolte attraverso il Nucleo Investigativo Centrale e i Nuclei investigativi Regionali».

7. 058. Sisto, Calabria, Milanato, Santelli, Sarro, Tartaglione.

Dopo l’articolo aggiungere il seguente:

Art. 7-bis.

1. All’articolo 35 del decreto-legge 4 ottobre 2018, n. 113, convertito, con modificazioni, dalla legge 1o dicembre 2018, n. 132, al comma 1, sostituire le arole: «alle quali si aggiunge una quota pari a 5.000.000 euro» con le seguenti: «alle quali si aggiunge una quota pari a 100.000.000 euro».

7. 032. Sisto, Calabria, Milanato, Santelli, Sarro, Tartaglione

Art. 17-bis.

(Sperimentazione di armi ad impulsi elettrici da parte della Polizia

penitenziaria)

1. Con decreto del Ministro della giustizia, da adottare entro trenta giornidalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto,l’Amministrazione penitenziaria avvia, con le necessarie cautele per la salute e l’incolumità pubblica e secondo princìpi di precauzione e previa intesa con il Ministro della salute; la sperimentazione dell’arma comune ad impulsi elettrici per le esigenze dei propri compiti istituzionali.

17. 07. Sisto, Calabria, Milanato, Santelli, Sarro, Tartaglione.

In allegato documento con tutti gli emendamenti presentati