Carcere di Ariano, detenuto picchia con l’estintore un agente. Solidarietà alla vittima da parte del direttore Marcello

Cronaca Ultim' ora

Carcere di Ariano, detenuto picchia con l’estintore un agente. Solidarietà alla vittima da parte del direttore Marcello

 questa mattina, giovedì 7 febbraio, ed è l’ennesimo episodio di violenza consumato nelle carceri campane. Un assistente della polizia penitenziaria, in servizio presso la casa circondariale di Ariano Irpino, è stato colpito da un estintore lanciato da un detenuto.

Quest’ultimo di origini napoletane, definitivo con fine pena al 2021 per reati comuni e ristretto alla Prima Sezione del Reparto Vecchio, si rifiutava di rientrare in cella e così ha iniziato a colpire l’agente con calci e pugni fino a sradicare un estintore e lanciarglielo addosso.

“Sette giorni di prognosi per l’assistente: fortunatamente le sue condizioni sono buone, ma l’atto è davvero gravissimo” così il direttore del carcere del Tricolle, il dottor Gianfranco Marcello che prosegue: “Il detenuto è stato subito trasferito, per lui ora si aprirà un processo disciplinare e certamente quello che ha fatto avrà delle ripercussioni sulla sua pena”.

La situazione nelle carceri sembra essere sempre più ingestibile. “Tutta la mia solidarietà va all’assistente, non è possibile lavorare in questo modo. Stiamo vivendo una nuova emergenza sovraffollamento” conclude Marcello.(Irpinia News)