Senato , Decreto-legge semplificazioni, emendamenti presentati riguardanti la Polizia penitenziaria

News Ultim' ora

 

E’ in corso in Aula l’esame del ddl di conversione del decreto-legge 14 dicembre 2018, n. 135, in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione (A.S. n. 989), avviato, con la relazione dei senatori Pirovano e Coltorti, nella seduta di lunedì 28, durante la quale il Presidente del Senato ha comunicato l’elenco degli emendamenti ammessi alla votazione.

7.3

TOSATO, AUGUSSORI, SAPONARA, CAMPARI, FAGGI, PEPE, PERGREFFI

Dopo il comma 4, aggiungere il seguente:

«4-bis. All’articolo 4 del decreto legislativo 15 febbraio 2006, n. 63, sono apportate le seguenti

modificazioni:

  1. a) il comma 4 è sostituito dal seguente:

“4. Nel concorso per il ruolo dei dirigenti di istituto penitenziario il cinquanta per cento dei posti èriservato ai dipendenti dell’Amministrazione inquadrati nell’area funzionale C ovvero nella carriera dei

funzionari e dirigenti del Corpo di polizia penitenziaria, in possesso del titolo di studio previsto daldecreto del Ministro di cui al comma 2 e con almeno tre anni di effettivo servizio in tali posizioni.”;

  1. b) il comma 5 è sostituito dal seguente:

“5. Nel concorso per il ruolo dei dirigenti di esecuzione penale esterna il cinquanta per cento deiposti è riservato ai dipendenti dell’Amministrazione inquadrati nell’area C – profilo professionale diassistente sociale, in possesso del titolo di studio previsto dal decreto del Ministro di cui al comma 2,

con almeno tre anni di servizio in tale posizione funzionale.”».

11.0.800

I RELATORI

Dopo l’articolo, aggiungere il seguente:

«Art. 11-bis.

(Semplificazione in materia di riparto del fondo Forze di Polizia)

  1. L’incremento di 7.500.000 di euro, di cui all’articolo 1, comma 442, lettera b), della legge 30 dicembre 2018, n. 145, del fondo previsto dall’articolo 45, comma 11, del decreto legislativo 29 maggio 2017, n. 95, è destinato per 2.850.000 euro alla Polizia di Stato, per 2.550.000 euro all’Arma dei carabinieri, per 1.800.000 euro al Corpo della Guardia di finanza e per 300.000 euro al Corpo della Polizia penitenziaria».