Agente di Polizia Penitenziaria ferito nel tentativo di dividere due detenuti durante una colluttazione

Momenti di tensione giovedì pomeriggio all’interno dell’Istituto Penale Minorile di Treviso.
Durante una lite tra due ragazzi detenuti, un agente di polizia penitenziaria, al fine di ripristinare l’ordine e la sicurezza dell’Istituto, nell’ immediatezza tenta di dividere i due, poiché unico Agente operante nel reparto detentivo, subendo un pugno al volto da uno dei due giovani, cadendo per terra, con il naso sanguinante.
L’Agente, prontamente soccorso dagli altri appartenenti al Corpo, è stato accompagnato presso l’ospedale Ca’ Foncello di Treviso riportando una prognosi di 7 giorni.
A tal proposito il Vice segretario regionale Al.Si.P.Pe. del Triveneto Innocenzo Bonelli aggiunge: “È l’ennesimo episodio che vede coinvolto il Personale di Polizia Penitenziaria, è giunto il momento di rivedere l’organizzazione del lavoro associandola necessariamente alla sicurezza dei luoghi di lavoro e del Personale di Polizia Penitenziaria, il quale si ritrova, il più delle volte, a lavorare in condizioni disumane.. Per quanto successo, si sente il dovere di elogiare il Personale di Polizia Penitenziaria per l’intervento attuato, il quale ha evitato che la situazione potesse generare conseguenze più gravi.
Il Personale di Polizia Penitenziaria ha dimostranto un alto senso del dovere nonché un grande spirito di collaborazione e professionalità pur di ripristinare l’ordine e la sicurezza all’interno dell’Istituto e soccorrere l’Agente ferito.”
La Segreteria Generale Al.Si.P.Pe. nel congratularsi con il Personale, augura una pronta guarigione all’Agente coinvolto nella colluttazione.

Shortlink:

Posted by on 30 novembre 2018. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login