La polizia penitenziaria minorile della Campania proclama lo stato di agitazione

 

I sindacati della polizia penitenziaria del settore minorile della Regione Campania tornano sul piede di guerra e denunciano, ancora una volta, “le criticita’ che attanagliano i servizi minorili del distretto legate principalmente alla complessita’ dell’utenza e alla scarsita’ di risorse e di strutture idonee alla gestione dei detenuti minorili”. In una nota rmata da Uspp, Osapp, Sinappe Uil, Cisl, Cgil e Cnpp, evidenziano che queste criticita’ “si acquiscono con l’entrata in vigore del nuovo ordinamento penitenziario minorile la cui rigorosa applicazione – viene sottolineato – richiede notevole aggravio dei carichi di lavoro del personale di polizia penitenziaria del contingente minorile”. “A fronte di queste criticita’ l’atteggiamento di chiusura e di totale rigidita’ verso le organizzazioni sindacali da parte del dirigente del CGM di Napoli ci costringono a interrrompete le relazioni sindacali, informando, contestualmente della situazione, i vertici della giustizia minorile nonche’ al ministro della Giustizia”.(Cronache della Campania)

Shortlink:

Posted by on 14 novembre 2018. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login