Assunzioni straordinarie nelle Forze di Polizia, Legge di Bilancio 2019

Legge di Bilancio 2019 , ecco le misure contenute nella bozza della Legge di Bilancio riguardanti le Forze di Polizia

ART. X3 (Assunzioni straordinarie nelle Forze di polizia)

1. Al fine di incrementare i servizi di prevenzione e di controllo del territorio e di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, connessi, in particolare, alle esigenze di contrasto al terrorismo internazionale, fermo restando quanto previsto dagli articoli 703 e 2199 del codice dell’ordinamento militare, di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, è autorizzata con apposito decreto del Presidente del Consiglio dei ministri o con le modalità di cui all’articolo 66, comma 9-bis, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, l’assunzione straordinaria per un contingente massimo di 6.150 unità delle Forze di polizia, comprensivo di 362 unità della Polizia penitenziaria di cui al comma 2, lettera a), nel limite della dotazione organica, in aggiunta alle facoltà assunzionali previste a legislazione vigente, nei rispettivi ruoli iniziali, non prima del 1° ottobre di ciascun anno, entro il limite di spesa di cui al comma 3 e per un numero massimo di:
a) 1.043 unità per l’anno 2019, di cui 389 nella Polizia di Stato, 427 nell’Arma dei carabinieri e 227 nel Corpo della guardia di finanza;
b) 1.320 unità per l’anno 2020, di cui 389 nella Polizia di Stato, 427 nell’Arma dei carabinieri, 227 nel Corpo della guardia di finanza e 277 nel Corpo di polizia penitenziaria;
c) 1.143 unità per l’anno 2021, di cui 389 nella Polizia di Stato, 427 nell’Arma dei carabinieri, 227 nel Corpo della guardia di finanza e 100 nel Corpo di polizia penitenziaria;
d) 1.143 unità per l’anno 2022, di cui 389 nella Polizia di Stato, 427 nell’Arma dei carabinieri, 227 nel Corpo della guardia di finanza e 100 nel Corpo di polizia penitenziaria;
e) 1.139 unità per l’anno 2023, di cui 387 nella Polizia di Stato, 427 nell’Arma dei carabinieri, 225 nel Corpo della guardia di finanza e 100 nel Corpo di polizia penitenziaria.
2. Al fine di incrementare l’efficienza degli istituti penitenziari, nonché per le indifferibili necessità di prevenzione e contrasto della diffusione dell’ideologia di matrice terroristica in ambito carcerario, è autorizzata, non prima del 1° marzo 2019, in deroga a quanto previsto dall’articolo 66, comma 10, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, l’assunzione nel ruolo iniziale del Corpo di polizia penitenziaria di :
a) 362 unità, in aggiunta alle facoltà assunzionali previste a legislazione vigente;
b) 95 unità, quale anticipazione delle straordinarie facoltà assunzionali previste per l’anno 2019 dall’articolo 1, comma 287, della legge 27 dicembre 2017, n. 205;
c) 200 unità, quale anticipazione delle straordinarie facoltà assunzionali previste per l’anno 2022 dall’articolo 1, comma 287, della legge 27 dicembre 2017, n. 205;
d) 643 unità, a valere sulle ordinarie facoltà assunzionali previste per l’anno 2019 dall’articolo 66, comma 9-bis del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.
Alle predette assunzioni si provvede, in deroga a quanto previsto dall’articolo 2199 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, e successive modificazioni, mediante scorrimento delle graduatorie vigenti, attingendo in via prioritaria a quelle approvate nell’anno 2017 e, per i posti residui, in parti uguali, a quelle approvate nell’anno 2018.
3. Per l’attuazione delle disposizioni di cui al comma 1 ed al comma 2, lettera a), è autorizzata, nel limite massimo indicato per ciascun corpo di Polizia nella Tabella 2 allegata alla presente legge, la spesa di euro 15.088.784,17 per l’anno 2019, di euro 59.343.175,00 per l’anno 2020, di euro 114.649.020,00 per l’anno 2021, di euro 163.337.720,00 per l’anno 2022, di euro 212.008.320,00 per l’anno 2023, di euro 256.202.230,00 per l’anno 2024, di euro 264.691.087,50 per l’anno 2025, di euro 267.152.957,50 per l’anno 2026, di euro 269.423.667,50 per l’anno 2027, di euro 271.692.337,50 per l’anno 2028 e di euro 273.389.250,00 a decorrere dall’anno 2029.
4. Per l’attuazione delle disposizioni di cui al comma 2, lettere b), c) e d), è autorizzata la spesa nel limite massimo di euro 12.684.264,17 per l’anno 2019, di euro 8.264.000,00 per l’anno 2020, di euro 8.264.000,00 per l’anno 2021 e di euro 7.566.500 per l’anno 2022.

Shortlink:

Posted by on 24 ottobre 2018. Filed under News, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login