Continua la serie di aggressioni ad agenti penitenziari bollettino di guerra negli istituti penitenziari, le ultimissime

 

Da nord a sud  della penisola serie infinita di aggressioni ai danni di personale di Polizia penitenziaria, che opera con enormi difficolta’ nelle carceri italiane, nonostante le continue denunce  delle organizzazioni sindacali la situazione non accenna a migliorare, anzi nelle ultime ore un vero e proprio bollettino di guerra ,agenti ripetutamente colpiti dalla violenza dei detenuti , a Vibo Valentia tre agenti aggrediti da un detenuto straniero non nuovo ad episodi di violenza ai danni di personale di Polizia penitenziaria, gli agenti se la caveranno con prognosi che vanno da 2 ai 3 giorni.Nel carcere palermitano di Pagliarelli un assistente capo e’ stato colpito alla testa con un secchio da un detenuto, a Catania nel carcere di Bicocca un assistente capo e’ stato preso a morsi da un detenuto italiano , per le ferite riportate l’assistente capo guarira’ in 10 giorni, la scia di violenza continua con un aggressione che vede coinvolti 5 agenti penitenziari che sono rimasti contusi nella Casa Circondariale di Ferrara , infine a Forli’ due agenti della Polizia penitenziaria  hanno dovuto fare ricorso al cure  pronto soccorso cittadino dopo essere stati aggrediti da un detenuto straniero  , gli agenti guariranno con prognosi che vanno dagli uno e quattro giorni.

Situazione infernale , carceri allo sbando personale sfiduciato , occorrono interventi del governo per arginare quantomeno la scia di violenza, occorre ristabilire l’ordine ormai quotidianamente sempre piu’ precario negli istituti, queste le richieste della Segreteria Generale Alsippe rivolte al governo nei giorni scorsi durante riunioni svolte al ministero della giustizia.

La Segreteria Generale Alsippe esprime solidarieta’ e vicinanza al personale aggredito e gli augura una pronta guarigione.

Shortlink:

Posted by on 29 settembre 2018. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login