Coordinata dalla Procura, in concomitanza tra Digos, Ros, Polizia Penitenziaria e Guardia di Finanza, indagine permette l’arresto di un presunto terrorista.

 Napoli, progettava attentato: arrestato un immigrato del Gambia. Aveva giurato fedeltà a Daesh

L’uomo aveva chiesto asilo in Italia, preso all’uscita dalla moschea a Licola. Era sbarcato l’anno scorso in Sicilia con un barcone

Un immigrato del Gambia, richiedente asilo in Italia, è stato arrestato all’uscita della moschea di Licola con l’accusa di terrorismo di matrice islamica. Alagie Touray , 22 anni, ha anche ammesso agli investigatori che stava progettando un attentato: gli era stato chiesto da alcuni vertici dello Stato Islamico, attraverso l’app di Telegram, di lanciarsi con l’auto sulla folla. Il gambiano, che viveva in un centro di accoglienza a Pozzuoli, aveva anche registrato un v ideo, poi diffuso sempre sulla stessa app, nel quale prestava giuramento al califfo Al Baghdadi, capo dello Stato Islamico. E proprio da alcuni messaggi su questa applicazione che, da altri militanti di Daesh, il giovane aveva ricevuto le istruzioni su come organizzare l’attentato.

I messaggi

In altri messaggi inviati, questa volta audio e registrati nei primi giorni di aprile in una mensa a Licola, Alagie Touray aveva chiesto ai suoi interlocutori di «pregare per lui» sostenendo di essere «in missione». Potrebbe essere questo, per gli investigatori, il segnale che il gambiano stava meditando di fare un attentato. Nonostante, negli interrogatori, il giovane ha ribadito che nonostante avesse ricevuto l’ordine non era sua intenzione uccidere delle persone. Durante la perquisizione nella sua stanza è stato trovato materiale ritenuto «di grande interesse» da parte degli inquirenti.

Il giuramento

«Giuro fedeltà al califfo dei musulmani Abu Bakr Al Quraishi Al Baghdadi, nei momenti difficili e facili, nel mese di Rajab giorno 2, e Allah è testimone di quello che dico»: sono queste le parole utilizzate dal gambiano nel video con il quale ha prestato giuramento allo Stato Islamico. Alagie Touray era arrivato in Italia un anno fa, era sbarcato a Messina il 22 marzo del 2017 insieme ad altri 638 migranti partiti dalla Libia. Dopo essere arrivato in Italia, aveva chiesto asilo.

Le indagini

L’indagine, coordinata dalla Procura di Napoli, è stata eseguita dai Ros dei carabinieri e dalla Digos con il sostegno di guardia di finanza e polizia penitenziaria che hanno effettuato indagini patrimoniali e controlli nelle carceri. I particolari dell’attività investigativa sono stati resi noti dal procuratore capo di Napoli, Giovanni Melillo, insieme al capo della polizia Franco Gabrielli e al comandante dei Ros, generale Pasquale Angelosanto.

 

La prima segnalazione dalla Spagna

L’inchiesta è partita da una segnalazione dell’intelligence spagnola. Le autorità di Madrid avevano scoperto su Telegram il video del giuramento di fedeltà al califfo girato dal giovane. Dal suo telefonino aveva cancellato il video, che però è stato recuperato dagli esperti informatici.

Gabrielli: «Funzionata azione preventiva»

«Il sistema ha funzionato in fase preventiva – ha detto Gabrielli – non siamo in presenza di una cosa insignificante, il giuramento di fedeltà allo Stato Islamico in altre situazioni è stato prodromico rispetto ad attentati»(Corriere del Mezzogiorno)

Shortlink:

Posted by on 26 aprile 2018. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login