Polizia penitenziaria e polizia bloccano donna per strada dopo lite , era in possesso di un coltello denunciata per porto abusivo d’armi e resistenza a pubblico ufficiale

Reggio Emilia, giovane 26enne picchiata in via Secchi .Arriva la polizia ma l’aggressore riesce a fuggire. La ragazza si mette nei guai reagendo agli agenti: aveva anche un coltello. Denunciata per porto d’armi abusivo e resistenza a pubblico ufficiale REGGIO EMILIA. Hanno iniziato a discutere in strada, poi a urlarsi contro e alla fine lui ha cominciato ad alzare le mani su di lei. Finché l’arrivo della polizia, a sirene accese, non lo ha costretto alla fuga. La ragazza però, una 26enne, si è messa nei guai reagendo alle forze dell’ordine che, dopo averla perquisita, le hanno trovato in tasca anche un coltello. A fare da scenografia a questo episodio di violenza sono state ancora una volta le immediate vicinanze del teatro Valli: l’incrocio fra via Secchi e via Nobili. A dare l’allarme alla centrale operativa della questura sono stati gli stessi reggiani che, passeggiando verso le 14.30 nei pressi di piazza Martiri, hanno sentito le urla della coppia. Che, secondo quanto raccontato da alcuni testimoni, è poi venuta alle mani. Immediatamente dalla vicina caserma di via Dante sono arrivate tre pattuglie della squadra Volanti, per salvare la donna dall’aggressione.Vista la polizia arrivare, però, l’uomo si è dato alla fuga scappando a piedi e riuscendo a darsi alla macchia, probabilmente passando per i giardini del parco del Popolo.Raggiunta la ragazza, di origini straniere, i sei agenti reggiani hanno cominciato a raccogliere la sua testimonianza, con non poche difficoltà. Anche lei infatti, alla vista delle divise, ha iniziato ad agitarsi finché non ha deciso di tentare a sua volta di fuggire.Con una mossa repentina si è divincolata dal gruppo di poliziotti e ha cominciato a correre verso il Valli ma gli agenti, aiutati anche da due uomini della polizia penitenziaria sul posto in quel momento, l’hanno letteralmente placcata e fatta stendere in terra.Perquisita, le è poi stato trovato in tasca un coltello a serramanico. «Mi serviva per difendermi da lui – ha iniziato a urlare la ragazza, dimenandosi sul marciapiede – in Spagna mi hanno portato subito in galera».Portata in questura, la ragazza è stata identificata in una 26enne residente in Spagna ma di origini dominicane e denunciata per porto abusivo d’armi e resistenza a pubblico ufficiale. Durante i controlli in caserma, inoltre, la spagnola ha cominciato a dare nuovamente in escandescenze tanto che è stato necessario chiamare il 118 per trasportarla in ospedale.(Gazzetta di Reggio)

 

Shortlink:

Posted by on 12 aprile 2018. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login