Casa Circondariale di Livorno, nota Alsippe alla Direzione sul malfunzionamento ……………….

AFFILIATO O.S.A.P.P
Prot. N. 002 -Livorno 20/03/2018 Seg. Locale

 

Alla Direzione della Casa Circondariale
Dott.ssa Santina Savoca
Livorno
e.p.c. Al Provveditorato Regionale
Dell’Amministrazione Penitenziaria
Relazioni Sindacali
Firenze
All’ufficio delle Relazioni Sindacali
Dott.ssa Pierina CONTE
Roma
All’ ufficio VISAG
Roma
Al Segretario Generale OSAPP
Dott. Leo BENEDUCI
Roma
Al Segretario Generale Al.SI.P.PE
Sign. Alessandro BELFIORE
Roma
Al Segretario Nazionale AL.SI.P.PE
Sign.Porcu Luigi
Livorno

 

Oggetto: Malfunzionamento condizionatori garitte di sentinella

Gentilissima Dottoressa
con la presente questa organizzazione Sindacale affiliata all’ O.S.A.P.P. e pertanto destinataria delle prerogative sindacali riservate alle OO.SS. maggiormente rappresentative, informa la S.V. che, giungono lamentele da parte del personale di Polizia Penitenziaria in servizio presso codesta Casa Circondariale, inerenti all’ impossibilità di utilizzo dei condizionatori installati nelle garitte di sentinella, in quanto li stessi sono in condizioni pessime, esponendo, in caso di accensione, il personale ad agenti patogeni altamente pericolosi per la saluta. Indigna constatare che da tempo, nonostante i numerosi
sopralluoghi a vario titolo alle garitte di sentinella, nulla è stato fatto per ripristinare il loro corretto funzionamento, non preoccupandosi minimamente della salute del Personale Di Polizia Penitenziaria.

A tal proposito, pone alcune osservazioni di natura normativa che disciplinano la materia:

L’art 63 del D.lgs. 81/2008 “Requisiti di salute e sicurezza” al punto 1.9, si occupa del
microclima ed impartisce le seguenti direttive :
1.9.1. Aerazione dei luoghi di lavoro chiusi
1.9.1.1. Nei luoghi di lavoro chiusi, è necessario far sì che tenendo conto dei metodi di
lavoro e degli sforzi fisici ai quali sono sottoposti i lavoratori, essi dispongano di aria
salubre in quantità sufficiente ottenuta preferenzialmente con aperture naturali e quando
ciò non sia possibile, con impianti di areazione.
1.9.1.2. Se viene utilizzato un impianto di aerazione, esso deve essere sempre mantenuto
funzionante. Ogni eventuale guasto deve essere segnalato da un sistema di controllo,
quando ciò è necessario per salvaguardare la salute dei lavoratori.
1.9.1.3. Se sono utilizzati impianti di condizionamento dell’aria o di ventilazione
meccanica, essi devono funzionare in modo che i lavoratori non siano esposti a correnti
d’aria fastidiosa.
1.9.1.4. Gli stessi impianti devono essere periodicamente sottoposti a CONTROLLI,
MANUTENZIONE, PULIZIA e SANIFICAZIONE per la tutela della salute dei
lavoratori.
1.9.1.5. Qualsiasi sedimento o sporcizia che potrebbe comportare un pericolo immediato
per la salute dei lavoratori dovuto all’inquinamento dell’aria respirata deve essere
eliminato rapidamente.
Si rammenta che da studi effettuati risulta che le più frequenti patologie causate da agenti biologici e loro derivati presenti nell’aria sono l’otite, la polmonite e l’asma, ma anche l’eczema e l’orticaria e sono causate perlopiù a virus, batteri, funghi, pollini, acari. È ben nota la cosiddetta Sindrome dell’Edificio Malsano (Sick Building Syndrome) caratterizzata da una sintomatologia, di modesta entità, che produce cefalea, sonnolenza, bruciore degli occhi, senso di irritazione della gola, tosse, irritazione cutanea, etc). I disturbi, a differenza delle ben più gravi malattie citate sopra, si risolvono o si attenuano rapidamente con l’allontanamento dell’interessato dall’ambiente di lavoro.
1.9.2. Temperatura dei locali
1.9.2.1. La temperatura nei locali di lavoro deve essere adeguata all’organismo umano
durante il tempo di lavoro, tenuto conto dei metodi di lavoro applicati e degli sforzi fisici
imposti ai lavoratori.
1.9.2.2. Nel giudizio sulla temperatura adeguata per i lavoratori si deve tener conto della
influenza che possono esercitare sopra di essa il grado di umidità ed il movimento dell’aria
concomitanti.
1.9.2.3. La temperatura dei locali di riposo, dei locali per il personale di sorveglianza, dei
servizi igienici, delle mense e dei locali di pronto soccorso deve essere conforme alla
destinazione specifica di questi locali.
L’art 64 del D.lgs. 81/2008 “Obbligo del datore di lavoro”.
1. Il datore di lavoro provvede affinché:
a) i luoghi di lavoro siano conformi ai requisiti di cui all’articolo 63, commi 1, 2 e 3;
L’art 68 del D.lgs. 81/2008 “Sanzioni per il datore di lavoro”
1. Il datore di lavoro e il dirigente sono puniti:
b) Omissis……
Pertanto questa Organizzazione Sindacale in considerazione delle ancora rigide temperature, dell’ approssimarsi della stagione estiva e alla luce di quanto su esposto, chiede un suo repentino intervento volto al ripristino dei condizionatori presso le garitte di sentinella.

In attesa di un riscontro le porgiamo distinti saluti

Segretario Locale Al.SI.P.PE
Leozappa Marcello

Shortlink:

Posted by on 21 marzo 2018. Filed under Note, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login