Sul tavolo del Consiglio dei ministri il decreto di riforma dell’ordinamento penitenziario

 

Si sblocca (per ora) la riforma del carcere

Approderà domani sul tavolo del Consiglio dei ministri il decreto di riforma dell’ordinamento penitenziario. Il Governo Gentiloni rompe gli indugi e mette all’ordine del giorno un intervento dal percorso assai tormentato e, quanto a iter procedurale, con profili inediti.

A favore dell’approvazione, negli ultimi giorni, ha preso corpo una forte mobilitazione di associazioni e giuristi con un appello pubblico sottoscritto tra gli altri dalle Camere penali, dal Consiglio nazionale forense, da Magistratura democratica, e, tra molti altri, da Valerio Onida, Vladimiro Zagrebelsky, Edmondo Bruti Liberati, Armando Spataro, Ernesto Lupo, Carlo Federico Grosso.

In realtà, il perno della riforma, il decreto legislativo che riscrive in maniera profonda e significativa, dopo un ampio lavoro preparatorio costituito dagli Stati generali dell’esecuzione penale, punti chiave come le misure alternative al carcere, il trattamento sanitario, l’individualizzazione della pena, i colloqui, la corrispondenza e l’informazione, è già stato approvato una prima volta in Consiglio dei ministri nell’autunno scorso.

I pareri delle commissioni Giustizia, soprattutto quello del Senato, hanno però posto condizioni assai incisive, tanto da modificarne le linee guida, stravolgendone l’ispirazione. Di qui la decisione di non accoglierle, rendendo quindi necessario un nuovo passaggio parlamentare. Che, quanto a tempi, sarebbe però ricaduto direttamente a ridosso della data delle elezioni. Con la conseguenza di un possibile varo di una riforma a elevato tasso divisivo nelle ore immediatamente precedenti la consultazione elettorale.

Il Governo ha così deciso di non decidere, prendendo tempo, ma non abbandonando, come ha voluto sottolineare ancora pochi giorni fa da Bruxelles il ministro della Giustizia Andrea Orlando, il progetto (che si è andato poi arricchendo di altri 3 decreti, sulla giustizia riparativa, sul lavoro e sull’ordinamento minorile) al suo destino. Che però resta appeso a un filo. Perché il testo a questo punto sarà affidato per i pareri alle nuove Camere, che ancora però non si sono insediate e tanto meno saranno costituite a breve le commissioni Giustizia.

Insomma, a mancare potrebbe ancora essere, per un po’, l’interlocutore istituzionale. Dove a complicare ulteriormente la situazione c’è poi il fatto che il Governo potrebbe anche decidere di forzare la mano, visto che una volta trascorsa una decina di giorni dalla trasmissione a Camera e Senato, il testo sarebbe comunque approvabile anche in assenza dei pareri. Si tratterebbe però di uno strappo istituzionale, del quale è assai dubbio voglia farsi carico un Governo uscente.

E Orlando spera ancora…

Il Consiglio dei ministri I potrebbe riunirsi domani per licenziare quella parte dei decreti attuativi, già approvati il 22 febbraio, della riforma dell’ordinamento penitenziario già sottoposti al parere delle commissioni giustizia.

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando al microfono di Lanfranco Palazzolo per Radio Radicale lascia aperto uno spiraglio: “Posso solo dire che non bisogna abbandonare le speranze, perché stiamo lavorando ancora per questa prospettiva”.

Orlando poi ha aggiunto: “Penso che alcune critiche siano state troppo frettolose. Alcune dichiarazioni di questi giorni le comprendo. Anche per me l’aspettativa è grande”. Rita Bernardini del Partito radicale che, insieme a migliaia di detenuti, ha attuato un lungo sciopero della fame, così ha commentato le parole del ministro: “Eh sì, l’importante è riuscire a risolverli i problemi. Che poi, per la situazione penitenziaria e dell’esecuzione penale, sono vere violazioni della Costituzione, non semplici “problemi””.

Nel frattempo ieri, gli avvocati penalisti, per il secondo giorno consecutivo, si sono astenuti dalle udienze per protestare contro la mancata approvazione del decreto su cui si regge tutta la riforma.(Il Sole 24 Ore)

 

Shortlink:

Posted by on 15 marzo 2018. Filed under News, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login