Arrestato da Polizia Penitenziaria e Volanti un uomo accusato  di minacce aggravate, resistenza, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale

 Esagitato Pratese Estrae Pistola Giocattolo Da Sala Al Pronto Soccorso. Arrestato Da Polizia Penitenziaria E Volanti Ieri sera, alle ore 22.15 circa, equipaggi delle Volanti sono stati inviati presso il locale Pronto Soccorso, in ausilio a personale della Polizia Penitenziaria di Prato già sul posto, che aveva momentaneamente bloccato un uomo italiano il quale, qualche istante prima, nell’attesa di essere visitato per il proprio stato di agitazione, dovuto verosimilmente all’assunzione di bevande alcoliche, aveva improvvisamente estratto dal suo zaino una pistola, poi risultata un’arma da sala (giocattolo), rifornita con sei cartucce e priva di tappo rosso, minacciando il personale infermieristico.

In particolare gli Operatori della Polizia Penitenziaria, in quel momento in Ospedale per assolvere ad altro servizio istituzionale di scorta e vigilanza, erano stati allertati proprio dal personale infermieristico sulla presenza in sala d’aspetto dell’uomo armato, provvedendo a intervenire tempestivamente e, durante il suo tentativo di appropriarsi della pistola d’ordinanza di uno degli Agenti della Penitenziaria, bloccarlo con l’aiuto delle Guardie Giurate in servizio presso l’Ospedale.

Celermente sul posto anche gli Operatori della Polizia di Stato, i quali hanno provveduto a mettere definitivamente in sicurezza l’uomo il quale, poi identificato per un sessantaseienne pratese, persona con precedenti di polizia, è stato tratto in arresto nella flagranza dei reati di minacce aggravate, resistenza, violenza e lesioni a P.U., con uno degli operatori della Polizia Penitenziaria che è stato costretto a ricorrere a cure sanitarie per una forte contusione patita a una mano durante le iniziali fasi di contenimento dell’esagitato, venendo giudicato guaribile in 4 giorni di prognosi.(Pubblic)

Shortlink:

Posted by on 20 febbraio 2018. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login