Nuova aggressione, agenti di Polizia penitenziaria  senza mezzi al……………..

Carcere di Prato, FdI: “Nuova aggressione, agenti senza mezzi” Divise strappate e rattoppate, scarpe bucate, ratti e scarafaggi nelle camere da letto, locali fatiscenti e fuori norma: le condizioni in cui operano gli agenti di polizia penitenziaria nel carcere di Prato sono vergognose. Senza dotazioni adeguate sono costretti a subire aggressioni di ogni genere da parte dei detenuti, l’ultima in ordine è successa proprio stamattina: soltanto a ‘La Dogaia’ servirebbero almeno 80 unità di personale in più”. E’ quanto hanno affermato i candidati di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli e Patrizio La Pietra dopo un incontro con il direttore della casa circondariale di Prato e con alcune rappresentanze sindacali. “La percentuale di stranieri in questo penitenziario è una delle più alte in Toscana, quasi il 60% – hanno sottolineato – da tempo Fratelli d’Italia propone di far scontare le pene detentive agli immigrati che si macchiano di reati nei loro paesi e ciò renderebbe da sola la situazione maggiormente gestibile. E’ indegno che uno Stato non sia in grado di dotare gli agenti neanche delle divise invernali, costringendoli a detrarsi lo stipendio per acquistarsi vestiario da indossare sotto le divise estive, uniche disponibili. Per di più il governo ha recentemente più che raddoppiato gli stipendi per i detenuti che lavorano per l’amministrazione penitenziaria. Se Fratelli d’Italia dopo le elezioni avrà responsabilità di governo, oltre a dare dotazioni adeguate e condizioni di sicurezza migliori – concludono Donzelli e La Pietra – abolirà immediatamente il reato di tortura che costringe gli agenti a non potersi difendere di fronte ad aggressioni, e per di più a pagarsi gli avvocati in caso di accuse da parte dei detenuti”.(gonews.it)

Shortlink:

Posted by on 12 febbraio 2018. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login