Picchiò un agente penitenziario in strada : il giudice ordina la perizia psichiatrica

Caltanissetta, picchiò un agente penitenziario: il giudice ordina la perizia psichiatrica M.M.è chiamato in causa per l’aggressione avvenuta una sera di inizio maggio del 2016. La vittima riportò la frattura del naso Sarà una perizia psichiatrica a stabilire  le sue condizioni psichiche nel momento in cui avrebbe pestato un agente di polizia penitenziaria in strada no a fratturargli il setto nasale. Per una questione che non avrebbe neanche riguardato direttamente l’imputato, perché si sarebbe intromesso in un diverbio tra un suo amico e lo stesso malcapitato. Poi la sua posizione è stata stralciata.E adesso il trentasettenne M.M.M.(difeso dall’avvocato Massimiliano Bellini) è stato chiamato al cospetto del giudice Tiziana Mastrojeni, mentre il coimputato, il ventiquattrenne Riccardo Federico Ciulla (difeso dall’avvocato Salvatore Candura) sarà processato a parte. Tutti e due sono accusati di lesioni personali aggravate e il solo M. anche di minacce aggravate. E ieri così come è stato sollecitato dalla stessa difesa, l’avvocato Massimiliano Bellini, il giudice ha nominato un esperto. E’  lo psichiatra Vincenzo Navarra che avrà 60 giorni di tempo per rispondere ai quesiti che gli sono stati sottoposti. E in più, in dettaglio, se in quei frangenti, Mirisola fosse stato in grado di intendere e di volere, se attualmente è in grado di stare in giudizio e lo stesso perito dovrà anche vericare se l’imputato è o meno socialmente pericoloso. Nei suoi confronti – ma anche nei confronti del procedimento che riguarda l’altro imputato – l’agente di polizia penitenziaria, il 33enne Vincenzo C. (assistito dall’avvocato Rosario Di Proietto) si è costituito parte civile(seguonews)

Shortlink:

Posted by on 16 gennaio 2018. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login