Concorso per 32 posti da Ispettore superiore di Polizia penitenziaria ruolo maschile

Con provvedimento 20 novembe 2017 è indetto un concorso interno per titoli di servizio ed esame per 32 posti di Ispettore superiore del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria.

La circolare 22 novembre 2017 comunica a tutti gli uffici dell’Amministrazione il bando di concorso.

Le domande di partecipazione al concorso devono essere

  • presentate dal 23 novembre al 22 dicembre 2017 direttamente alla direzione dell’istituto o servizio ove il dipendente, a qualunque titolo, presta servizio
  • indirizzate al Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria – Direzione generale del personale e delle risorse – Ufficio VI – Concorsi

Provvedimento 20 novembre 2017 – Concorso interno per titoli di servizio ed esame per 32 posti di ispettore superiore del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria

20 novembre 2017

Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria

Il Direttore Generale del Personale e delle Risorse

Vista la legge 15 dicembre 1990, n. 395;

Visto il decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443 e successive modifiche ed integrazioni;

Visto il D.P.R. 15 febbraio 1999, n. 82, recante il “Regolamento di servizio del Corpo di polizia penitenziaria”;

Vista la legge 11 luglio 1980, n. 312;

Visto il D.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3;

Visto il D.P.R. 28 dicembre 1970, n. 1077;

Vista la legge 16 ottobre 1993, n. 321;

Vista la legge 28 dicembre 1993, n. 537;

Visto il D.P.R. 31 luglio 1995, n. 395;

Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche ed integrazioni;

Visto l’art. 9 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122;

Visto il decreto-legge 26 marzo 2011, n. 27 convertito in legge il 23 maggio 2011, n. 74;

Visto l’art. 44, comma 11, del decreto legislativo 29 maggio 2017, n. 95 secondo il quale alla copertura dei posti disponibili nella qualifica di ispettore superiore alla data del 31 dicembre 2014 si provvede con le modalità previste dall’articolo 30-bis, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443, nel testo vigente il giorno precedente alla data di entrata in vigore del decreto legislativo n. 95/2017 e cioè mediante concorso interno, per titoli di servizio ed esame, riservato al personale che alla stessa data riveste la qualifica di ispettore capo;

Visto il Decreto Ministeriale primo febbraio 2000, n. 52 “Regolamento recante norme per l’espletamento del concorso interno, per titoli ed esami, per la nomina alla qualifica di ispettore superiore del Corpo di polizia penitenziaria”;

Considerato che alla data del 31 dicembre 2014 risultano n. 32 posti disponibili nella qualifica di ispettore superiore del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria;

Visto il D.P.C.M. 15 giugno 2015, n. 84 recante “Regolamento di riorganizzazione del Ministero della Giustizia e riduzione degli uffici dirigenziali e delle dotazioni organiche” ed in particolare l’art. 6, comma 2, lett. a) che individua le funzioni della direzione generale del personale e delle risorse;

Ritenuta la propria competenza alla firma degli atti relativi alle procedure concorsuali emanate dall’Amministrazione penitenziaria;

Decreta

Art. 1

  1. E’ indetto il concorso interno, per titoli di servizio ed esame, consistente in una prova scritta ed in un colloquio, per complessivi 32 posti per la nomina alla qualifica di ispettore superiore del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria.

Art. 2

  1. Al concorso di cui sopra è ammesso il personale attualmente in servizio con qualifica di ispettore capo del Corpo di polizia penitenziaria che alla data del 31 dicembre 2014 già rivestiva tale qualifica ed alla medesima data era in possesso del diploma d’istruzione secondaria superiore che consente l’iscrizione ai corsi per il conseguimento del diploma universitario.
  2. E’ escluso dal concorso, a norma degli articoli 93 e 205 del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, il personale sospeso cautelarmente dal servizio ed il personale che nel triennio precedente (2012/2014) ha riportato un giudizio complessivo inferiore a “buono”.

Art. 3

  1. L’esclusione dal concorso per difetto dei requisiti prescritti dal bando è disposta, in qualunque momento, con decreto motivato del Direttore generale del personale e delle risorse.

Art. 4

  1. Le domande di partecipazione al concorso, redatte su carta libera, secondo il modello allegato, e indirizzate al Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria – Direzione generale del personale e delle risorse – Ufficio VI – Concorsi, devono essere presentate direttamente alla direzione dell’istituto o servizio ove il dipendente, a qualunque titolo, presta servizio, entro il termine perentorio di trenta giorni, che decorre dal giorno successivo dalla data della pubblicazione del presente bando nel sito istituzionale del Ministero della Giustizia www.giustizia.it .
  2. Gli ispettori capo assenti dal servizio per tutta la durata dei termini di presentazione possono presentare domanda di partecipazione a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, nel termine di cui al precedente comma 1 inviandola al seguente indirizzo: Ministero della Giustizia, Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Direzione generale del personale e delle risorse, Ufficio VI – Concorsi – Promozioni ed avanzamento del personale del Corpo di polizia penitenziaria, Largo Luigi Daga n. 2, 00164 Roma. Tale personale dovrà inviare una comunicazione dell’avvenuto invio della raccomandata al seguente indirizzo e mail: promozioniconcorsipp.ufficiocentralepersonale.dap.roma@giustizia.it
  3. La data di presentazione delle domande è stabilita dal timbro a data apposto sulla istanza di partecipazione a cura del personale addetto al ricevimento. Per il caso di cui al comma 2, ai fini della verifica del rispetto dei termini di presentazione della domanda, fa fede il timbro a data apposto dall’ufficio postale accettante.
  4. Alla domanda di partecipazione gli interessati debbono allegare, entro il termine previsto per la presentazione della domanda, gli eventuali titoli di cui sono in possesso, che possano rientrare tra le categorie indicate nel successivo art. 9.

Art. 5

  1. La data, l’ora, nonché la sede in cui i candidati dovranno presentarsi per sostenere prova scritta del concorso saranno comunicati in tempi utili dall’Amministrazione.
  2. Non saranno ammessi a sostenere la prova di cui al precedente comma coloro i quali si presenteranno in giorno ed ora diversi da quelli stabiliti.

Art. 6

  1. Per lo svolgimento delle prove d’esame si applicano, per quanto compatibili, le norme di cui agli articoli 87, 88, 89, 90, 91, 93 e 94 del decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443.
  2. La commissione esaminatrice per lo svolgimento delle prove d’esame è composta da un presidente, scelto tra i funzionari dell’Amministrazione penitenziaria con qualifica dirigenziale e da altri quattro membri, scelti tra i funzionari dell’Amministrazione penitenziaria con qualifica non inferiore alla nona ovvero appartenente all’area funzionale III-fascia retributiva F4.
  3. Le funzioni di segretario sono svolte da un funzionario dell’Amministrazione penitenziaria con qualifica non inferiore all’ottava ovvero appartenente all’area funzionale III – fascia retributiva F3, in servizio presso il Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria.
  4. Per supplire ad eventuali, temporanee assenze o impedimenti di uno dei componenti o del segretario della commissione, può essere prevista la nomina di uno o più componenti supplenti e di uno o più segretari supplenti, da effettuarsi con lo stesso decreto di costituzione della commissione esaminatrice o con successivo provvedimento.
  5. La commissione è nominata con provvedimento del Direttore generale del personale e delle risorse.

Art. 7

  1. I candidati ammessi al concorso devono sostenere una prova scritta ed un colloquio.
  2. La prova scritta, concernente la trattazione di un elaborato vertente su elementi di diritto penale, di diritto processuale penale, con particolare riferimento alle norme concernenti l’attività di polizia giudiziaria, e di diritto penitenziario, si intende superata solo se il candidato riporta una votazione non inferiore a ventuno trentesimi.

Art. 8

  1. Il colloquio verte, oltre che sulle materie oggetto della prova scritta, anche su elementi di diritto costituzionale, elementi di diritto amministrativo ed elementi di diritto civile, nelle parti concernenti le persone, la famiglia, i diritti reali, le obbligazioni e la tutela dei diritti. Al candidato ammesso al colloquio è data comunicazione almeno venti giorni prima del giorno, dell’ora e del luogo in cui dovrà sostenere la prova d’esame.
  2. Il colloquio si intende superato se il candidato ha riportato una votazione non inferiore a ventuno trentesimi.

Art. 9

  1. Le categorie dei titoli di servizio ammessi a valutazione ed il punteggio massimo da attribuire a ciascuna categoria sono stabiliti come segue:
    1. giudizi complessivi del triennio anteriore: fino a punti 15;
    2. qualità delle funzioni svolte, come dedotte dai rapporti informativi, con particolare riferimento alla specifica competenza professionale dimostrata ed al grado di responsabilità assunta anche in relazione alla sede di servizio: fino a punti 6;
    3. incarichi e servizi speciali conferiti con specifico provvedimento dell’Amministrazione, che comportino un rilevante aggravio di lavoro e presuppongano una particolare competenza professionale: fino a punti 3;
    4. diploma di laurea: punti da 2 a 5;
    5. titoli attinenti alla formazione ed al perfezionamento professionale del candidato, con particolare riferimento al profitto tratto dai corsi professionali: fino a punti 3;
    6. speciali riconoscimenti: fino a punti 2;
    7. anzianità nella qualifica di ispettore capo: punti 2 per ciascun anno. Si valuta come anno intero la frazione residua superiore a sei mesi.
  2. Nell’ambito delle suddette categorie la commissione esaminatrice determina i titoli valutabili ed i criteri di massima per la valutazione degli stessi e per l’attribuzione dei relativi punteggi. Predetermina, altresì, i punteggi da attribuire ai giudizi complessivi presi in considerazione.
  3. Le somme dei punti assegnati per ciascuna categoria di titoli sono divisi per il numero dei votanti ed i relativi quozienti, calcolati al cinquantesimo, sono sommati tra loro. Il totale così ottenuto è quindi diviso per cinque ed il quoziente, calcolato al cinquantesimo, costituisce il punteggio di merito attribuito dalla commissione.
  4. La valutazione dei titoli è effettuata dopo la prova scritta e prima che si proceda alla correzione degli elaborati.

Art. 10

  1. La votazione complessiva è data dalla somma dei voti riportati nelle prove di esame e del punteggio attribuito ai titoli ammessi a valutazione.
  2. Sulla base del punteggio finale la commissione forma la graduatoria di merito.
  3. Con provvedimento del Direttore generale del personale e delle risorse, riconosciuta la regolarità del procedimento, è approvata la graduatoria dei vincitori e degli idonei del concorso.
  4. La graduatoria dei vincitori e degli idonei del concorso è pubblicata nel sito istituzionale del Ministero della Giustizia www.giustizia.it con modalità che assicurino la riservatezza dei dati sensibili. Di tale pubblicazione è data notizia mediante avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica. Dalla data di pubblicazione di detto avviso decorre il termine per le eventuali impugnative.

Art. 11

  1. La nomina alla qualifica di ispettore superiore del Corpo di polizia penitenziaria decorre, in applicazione delle disposizioni di cui all’articolo 30 bis, comma 2, del decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443, nel testo vigente il giorno precedente l’entrata in vigore del decreto legislativo 29 maggio 2017, dal 1° gennaio 2015.

Roma, 20 novembre 2017

Pietro Buffa

Clicca il link sotto per scaricare la domanda e la circolare

32_posti_ispettore_sup_20nov2017_all_1_e_2

Circolare 22 novembre 2017

Shortlink:

Posted by on 22 novembre 2017. Filed under Circolari, News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login