Gravissimi accadimenti Casa Circondariale di Modena  

Prot. 001/2017 Del. Reg.                                                                                       Modena lì 29 Ottobre 2017

 

 

Al Provveditorato Regionale dell’Amministrazione

Penitenziaria dell’Emilia Romagna e delle Marche

BOLOGNA

 

           

Alla Direzione Casa Circondariale

 MODENA

 

                                     e.p.c.                                                                           

 

Alla Segreteria Generale OSAPP

 

 

 

Oggetto: Gravissimi accadimenti Casa Circondariale di Modena

 

 

Una nuova e gravissima aggressione si è registrata quest’oggi, domenica 29 ottobre, presso la Casa Circondariale di Modena. Un detenuto già noto in altri istituti per essersi reso responsabile di aggressioni nei confronti del personale di Polizia Penitenziaria (ultimo evento registrato la scorsa settimana dove lo stesso ha aggredito 4 colleghi in servizio al carcere di Bologna), in data odierna ha aggredito violentemente tre unità di Polizia Penitenziaria, che hanno dovuto far ricorso alle cure del nosocomio riportando rispettivamente 5, 10 e 20 giorni di prognosi a causa delle fratture e contusioni multiple. A dare ancora più risalto dolente alla vicenda è il fatto che nonostante la gravità dell’ accaduto, pare che nessuno si sia prodigato a gestire un evento di simile portata.

Come accade oramai da mesi il personale di Polizia Penitenziaria operante presso la Casa Circondariale di Modena si sente tremendamente abbandonato ed in preda al panico più totale di fronte a simili e ripetuti eventi che si stanno riscontrando in maniera costante presso la Casa Circondariale di Modena, portando il personale di Polizia Penitenziaria, nonché di tutti gli operatori che svolgono il proprio servizio all’interno dell’Istituto modenese, ad una totale rassegnazione a tale modus operandi, dovendo tutto ciò anche all’assenza dei vertici titolari a Modena.

Come ormai noto difatti, da diversi mesi, il Commissario Coordinatore Dr. Mauro Pellegrino, Comandante di Reparto titolare dell’ istituto modenese, è stato distaccato presso gli I.P. di Reggio Emilia, per risollevare le sorti di un altro penitenziario con non poche problematiche, inducendo di conseguenza l’Amministrazione Penitenziaria a dimenticarsi dell’abbandono a cui deve sottoporsi il personale modenese, che ha inoltre da tempo richiesto il rientro del proprio Comandante, anche con petizione sottoscritta da circa 100 unità di Polizia Penitenziaria (ovvero il 65% del personale in servizio effettivo presso la C.C. di Modena) trasmessa in data 27 Maggio della quale, ancora oggi, a distanza di 5 mesi, il personale di Polizia Penitenziaria attende riscontro da parte dell’Amministrazione Penitenziaria. Risulta necessario, cogliendo l’occasione della presente, richiedere formalmente riscontro scritto, che il personale modenese, in virtù del periodo difficilissimo e complicato che sta vivendo,  a parere di codesta O.S. merita più di ogni altra cosa in questo momento storico.

Alla luce di quanto espresso dal personale, questa O.S. chiede a voce alta il rientro in Sede del Comandante titolare, dando ascolto a chi quotidianamente assolve con dovere al proprio mandato istituzionale, combattendo in prima linea tutte le difficili situazioni che il sistema penitenziario sta affrontando, ribadendo sin d’ora che sarebbe opportuno non prolungare ulteriormente il senso di abbandono derivato dalle scelte poste in essere da parte dell’Amministrazione Penitenziaria. Pur comprendendo che tali scelte sono state effettuate per risanare altre situazioni, ed essendo attualmente le stesse oramai ristabilite, (secondo quanto di conoscenza di codesta O.S.), onde evitare situazioni simili alla consorella di Reggio Emilia, si richiede di provvedere, al termine della ultima proroga di missione,  a far rientrare il Comandante di Reparto di Modena nel proprio istituto di appartenenza, con l’auspicio che possa ripetere il suo operato nell’istituto modenese e che dia nuovamente luce ad un istituto oramai allo sbando.

Ai colleghi non ci resta che porgere i nostri migliori auguri di pronta guarigione portando in loro tutta la nostra vicinanza per la situazione che hanno dovuto sostenere.

 

Il Delegato Regionale OSAPP

F.to Doria Anna Dora

Shortlink:

Posted by on 29 ottobre 2017. Filed under News, Note. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login