Polizia Penitenziaria presente con uno stand all’ ExpoTraining di Milano

ExpoTraining. A Milano la manifestazione su formazione e lavoro 4.0. 440 mln in tre anni investiti in Lombardia. Concluso ExpoTraining. Oltre 5000 visitatori e la presenza tra gli altri del Ministro Poletti e del Presidente Maroni per discutere del futuro del lavoro e della formazione come strumenti di innovazione e competitività.

Poletti: “Nella Legge di Stabilità stiamo lavorando a quello che ho definito ‘Lavoro 4.0′, cioè cercare di sostenere gli investimenti in formazione connessi all’innovazione.

Barberis: “La formazione è diventata finalmente una delle priorità per istituzioni, imprese e lavoratori.”.

Oltre 5000 presenze, tra cui tutte le Forze dell’Ordine: Carabinieri, Polizia, Esercito, Polizia Penitenziaria, Guardia di Finanza. Vigili del Fuoco. Ed i vertici delle istituzioni, dal ministro Giuliano Poletti al Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, ma anche degli Assessori Valentina Aprea e Francesca Brianza, del Vice Prefetto Aggiunto di Milano Attilio Carnabuci, al Questore della Provincia di Milano Marcello Cardona, dell’Ing. Dante Pellicano, Direttore Regione Lombardia dei Vigili del Fuoco , fino al Comandante Militare dell’Esercito in Lombardia il Gen. di Brigata Michele Cittadella, il Gen. di Brigata Antonio De Simone della Polizia di stato ed il Colonnello Luca De Marchis dei Arma dei Carabinieri.

Insomma, le massime autorità del territorio a livello regionale e nazionale, ma sopratutto tanti visitatori, tanti imprenditori, tanti lavoratori e tante aziende del settore, che quest’anno hanno affollato particolarmente il 25 e 26 ottobre i locali della FieraMilano City per una edizione di ExpoTraining particolarmente ricca di spunti di riflessione e di dibattito.

“Nella Legge di Stabilità stiamo lavorando a quello che ho definito ‘Lavoro 4.0′, cioè cercare di sostenere gli investimenti in formazione connessi all’innovazione. – ha dichiarato il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, – Dobbiamo cercare di usare tutti gli strumenti di incentivo non in concorrenza l’uno con l’altro, ma in ottica di integrazione, in modo che uno sostenga l’altro”.

Ad aprire i lavori il convegno “Investire nel Capitale Umano”, che ha presentato i risultati e le strategie per il futuro della formazione e del Fondo Sociale Europeo in Regione Lombardia e in Italia, nel corso del quale sono anche state presentate le “buone prassi” riconosciute dall’UE, come la “Dote Unica Lavoro”, progetto innovativo che può diventare esempio a livello europeo e che ha accompagnato al lavoro oltre 96mila italiani.

Con il Fondo Sociale Europeo la Lombardia ha investito nel triennio 2015-2017 440 milioni di euro, destinati allo sviluppo di politiche attive per il lavoro e delle filiere professionalizzanti.

“La Lombardia sa guardare avanti. Oltre a essere creativa, è innovativa. Questo ci consente di pensare e sviluppare modelli di efficienza che sono la punta avanzata del Paese e che mettiamo volentieri a disposizione delle altre Regioni”. – ha aggiunto il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni.

Quest’anno sono state molte le novità: oltre alla presentazione di numerose e inedite ricerche su lavoro, formazione, giovani, anche la redazione di una proposta di legge specifica finalizzata ad incentivare la formazione nelle imprese italiane, il Forum Imprese e Management, che vedrà coinvolti i principali sindacati, le associazioni degli imprenditori e le istituzioni.

Un vero e proprio “osservatorio” sulle dinamiche del lavoro e della formazione, che produce ricerche e studi, ed un laboratorio di confronto tra sindacati, istituzioni, associazioni imprenditoriali ed esperti. Un’occasione preziosa per conoscere davvero cosa accade nel mondo del lavoro in Italia, per riflettere e per promuovere idee e proposte concrete.

I numerosi convegni e workshop e le ricerche e studi sono stati poi la base per la redazione del primo “Libro Bianco della Formazione”, che sarà presentato nelle prossime settimane nelle sedi istituzionali.

“ExpoTraining in questi anni è cresciuto perché è cresciuta, seppur lentamente, l’attenzione delle istituzioni, delle imprese e dei lavoratori nei confronti della formazione. Un tema che fino a non molti anni fa era sottovalutato, poco discusso, limitato agli addetti ai lavori, magari ristretto solo alla formazione obbligatoria. Un argomento noioso sostanzialmente. In questi anni però, anche con il nostro contributo, si è pian piano preso consapevolezza che la formazione non solo è una leva strategica, ma che forse è l’unica vera leva strategica che le imprese italiane possono avere per affrontare e vincere la concorrenza globale. I nostri dati ci dicono che finalmente ci stiamo avvicinando ai dati europei riguardo la formazione. E’ la direzione giusta, ma ancora moltissimo c’è da fare. ExpoTraining ha dato e darà il suo contributo in questa direzione, forte anche del sostegno delle istituzioni nazionali e regionali, dei corpi sociali, delle imprese e dei lavoratori. Nelle prossime settimane presenteremo il primo Libro Bianco sulla Formazione, raccogliendo tutti i dati ed i contributi di questa ricca e significativa edizione.” – ha concluso Carlo Barberis, Presidente di ExpoTraining.

 

Shortlink:

Posted by on 28 ottobre 2017. Filed under News, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login