Incendiata l’automobile di un Poliziotto penitenziario

Incendiata l’automobile del Poliziotto penitenziario.Marzano, distrutta la Nissan di un agente in servizio al carcere di Opera. Le fiamme danneggiano anche un’altra macchina.MARZANO. Incendiata l’auto di un agente della polizia penitenziaria che presta servizio al supercarcere di Opera. Le fiamme hanno completamente distrutto una Nissan Micra e hanno seriamente danneggiato una Ford Fiesta parcheggiata a pochi metri di distanza. I carabinieri della compagnia di Pavia hanno aperto un’inchiesta per chiarire il motivo di un gesto di teppismo che, dai primi accertamenti, non sembra affatto casuale. L’agente di polizia penitenziaria, che ha 42 anni e da qualche tempo abita in paese, era in casa e dopo l’allarme lanciato ai vicini si è accorto che le fiamme gli stavano distruggendo l’auto.
Sono intervenuti i vigili del fuoco dalla caserma di Pavia ma era troppo tardi. Le fiamme avevano praticamente distrutto due auto in pochissimi minuti.La drammatica vicenda è avvenuta, l’altra notte verso le due e mezza, in via Roma nella zona centrale di Marzano. Il dipendente del Ministero di grazia e giustizia ha parcheggiato come ogni sera la sua auto in strada. A fianco c’era una Ford Fiesta di un altro residente che è entrato casualmente nel mirino dei piromani. I teppisti, avrebbero agito alcune persone, sono arrivati in paese con il favore delle tenebre. Probabilmente hanno rotto il vetro di una portiera della vettura e hanno versato all’interno liquido infiammabile, forse benzina. Poi hanno dato fuoco e si sono allontanati molto rapidamente dalla zona. Non è da escludere che avessero parcheggiato la loro auto a poche centinaia di metri dal posto dell’incendio. Le fiamme sono partire ovviamente dalla Micra e, in pochi minuti, l’hanno completamente distrutta. Poi l’incendio si è propagato e ha attaccato la Fiesta. A questo punto i residenti hanno sentito delle piccole esplosioni e si sono affacciati alle finestre. In pochi minuti hanno chiesto l’intervento dei vigili del fuoco e sono scesi in strada per iniziare lo spegnimento. I pompieri, una volta arrivati a Marzanohanno spento definitivamente l’incendio ma la vetture erano distrutte. Sul posto i carabinieri di Certosa che hanno raccolto le prime informazioni. L’inchiesta dovrà prima di tutto chiarire se l’incendio è legato al lavoro in carcere o se i piromani hanno colpito per vicende personali .

Shortlink:

Posted by on 12 agosto 2017. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login