Tre le aggressioni ,8 agenti di polizia penitenziaria feriti ,polveriera carcere a Verona

Verona: polveriera carcere, indaga la procura. Aggressione agli agenti in nome di Allah: interrogazione al ministro. Tre episodi, 8 feriti. “Polveriera” carcere. Escalation di violenza, nelle ultime ore, a Montorio. Tre le aggressioni registrate alla casa circondariale scaligera tra martedì e mercoledì, per un bollettino che in totale conta 8 agenti feriti. Episodi inquietanti, soprattutto quello del poliziotto colpito con una lama “inneggiando ad Allah”. Ieri in procura sono arrivati gli atti che ricostruiscono quanto accaduto in carcere e, ipotizzando per ora il reato di lesioni aggravate, sono state avviate le indagini.
“Polveriera” carcere. Escalation di violenza, nelle ultime ore, a Montorio. Tre le aggressioni registrate alla casa circondariale scaligera tra martedì e mercoledì, per un bollettino che in totale conta 8 agenti feriti. Episodi inquietanti, soprattutto quello del poliziotto colpito con una lama “inneggiando ad Allah”.
Ieri in procura sono arrivati gli atti che ricostruiscono quanto accaduto in carcere e, ipotizzando per ora il reato di lesioni aggravate, sono state immediatamente avviate le indagini. Nel frattempo tornano ad alzare la voce i sindacati che, prendendo spunto dall’ultima aggressione di mercoledì ai danni di un agente “spinto a terra da un magrebino per futili motivi, procurandosi la contusione della mano e dovendo alle cure del pronto soccorso con prognosi di sette giorni”, denunciano in coro l’insostenibilità dell’attuale situazione: “Tale ennesimo grave episodio – sostengono Alfredo Santagata, Daniela Ferrari, Giulio Pegoraro e Daniele Ercoli (rispettivamente per le sigle Osapp, Fsn-Cisl, Uspp e Fp-Cgil) – dimostra il fallimento delle attuali scelte dell’amministrazione penitenziaria, dove con il nuovo sistema vigente della vigilanza dinamica e il regime aperto è sempre e solo la polizia penitenziaria a pagare, anche a prezzo della propria incolumità personale, le conseguenze dei disservizi e della disorganizzazione, in questo preciso momento storico in cui è lasciata ai detenuti, anche a quelli di notevole pericolosità, la massima libertà di movimento”.
Sempre ieri, è intervenuto anche il sindaco Federico Sboarina: “Ho contattato la direttrice della casa circondariale di Montorio, Maria Grazia Bregoli, per comunicarle la mia solidarietà e la vicinanza della città agli agenti della polizia penitenziaria, per i difficili momenti che stanno vivendo. Inoltre ho comunicato alla direttrice Bregoli la volontà, in accordo con l’assessore alla Sicurezza Daniele Polato, di sostenere quanto più possibile le loro attività e esigenze”.
E la vicenda finirà anche a Roma: i grillini, infatti, hanno deciso di presentare un’interrogazione al ministro degli Interni Marco Minniti: “Quanto successo nel carcere di Montorio è gravissimo – attacca il portavoce alla Camera per il Movimento 5 Stelle, Mattia Fantinati. Cinque poliziotti penitenziari finiti in ospedale perché, mentre stavano sedando una rissa, sono stati aggrediti da alcuni detenuti nordafricani in nome di Allah.
I detenuti in questione, tra cui un marocchino noto per le idee integraliste e fondamentaliste, avevano intenzione di uccidere gli agenti, i quali difendendosi dall’aggressione sono tutt’ora in prognosi di 25, 15,10 giorni ed il più grave ha un braccio rotto. Per questo motivo ho già chiesto con una interrogazione scritta al ministro Minniti spiegazioni al riguardo perché non è plausibile che i nostri uomini che provvedono alla sicurezza di tutti noi, rischino la vita in questo modo”. Già lo scorso marzo, nel corso di una normale attività di polizia nel carcere di Montorio, un detenuto si era scagliato contro un sovrintendente e un assistente capo della Penitenziaria. La colluttazione anche in quel caso era stata violenta, con calci e pugni ai danni dei due agenti trasportati d’urgenza in ospedale. Coinvolta un’intera sezione della casa circondariale, messa a soqquadro e dove si registrarono ingenti danni.

 

Protesta

Shortlink:

Posted by on 21 luglio 2017. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login