Agente della Penitenziaria aggredito in una tabaccheria , finisce in ospedale

pronto-soccorso-alsippe

Mamma allatta il figlio in un bar-tabaccheria e scoppia il putiferio. Un agente della Penitenziaria finisce in ospedale .L’agente, non in servizio, è stato colpito al volto dal marito della donna e, portato in ospedale, gli è stata data una prognosi di 7 giorni. Coinvolto anche un altro cliente .TRENTO. Stava allattando all’interno di una tabaccheria a Spini di Gardolo quando ad un certo punto è scattato il putiferio. Due uomini, tra cui un agente della polizia penitenziaria, sono finiti all’ospedale. Il fatto è accaduto poco dopo il mezzogiorno di ieri. Una donna di origine nigeriana, secondo la ricostruzione delle Forze dell’ordine, si trovava all’interno della tabaccheria e stava allattando il proprio figlio quando, ad un certo punto, la titolare dell’attività ha chiesto alla signora di uscire ritenendo tale comportamento ‘inadeguato’ al luogo. Vista la situazione creatasi, la signora, con il proprio figlio, ha deciso di uscire. Ad attenderla all’esterno c’era il marito che, saputo l’accaduto, è andato in escandescenza inveendo verso la titolare dalla tabaccheria. A prendere le parti di quest’ultima, invitando l’uomo a calmarsi, è arrivato un agente di polizia penitenziaria fuori servizio che si trovava sul posto. L’agente dopo essersi qualificato  ha cercato, senza riuscirci, di calmare l’uomo fino a quando, dopo averlo invitato ad uscire, l’agente è stato colpito da un pugno al volto.L’uomo, ripresosi immediatamente, ha immobilizzato l’aggressore fino a quando è intervenuta la Polizia di Stato che lo ha arrestato. L’agente della Polizia penitenziaria è stato portato in seguito al  pronto soccorso dell’Ospedale Santa Chiara dove gli è stata data una prognosi di sette giorni. A rimanere ferito anche un altro cliente del bar tabaccheria. “L’agente – ha spiegato il comandante Daniele Cutugno – ha agito in maniera giusta a servizio dei cittadini non sottraendosi dall’intervenire”.(Il Dolomiti)

Shortlink:

Posted by on 12 aprile 2017. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login