Due arresti per estorsione effettuati dal Nucleo Operativo della Polizia Penitenziaria di Secondigliano

polizia-penitenziaria-alsippe-paletta-1

«Tremila euro e lavori tranquillo». In carcere 2 uomini del clan del centro di Napoli, ecco di chi si tratta.NAPOLI. Nella giornata di ieri, gli uomini del Nucleo Operativo della Polizia Penitenziaria di Secondigliano, in esecuzione di due ordini di carcerazione emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Napoli, hanno tratto in arresto Lucio Pellegrino e Luigi Mazzola entrambi 47enni.I due, considerati vicini al clan Tolomelli, attivo nel quartiere Sanità, nel giugno del 2014 si erano presentati al cantiere che si occupava dei lavori di ripristino del manto stradale ceduto a Materdei per riscuotere il “pizzo” dal titolare dell’impresa per la “protezione del cantiere”. Si erano presentati al cantiere che si occupava dei lavori per il ripristino del manto stradale ceduto a Materdei , compromettendo anche la staticità di alcuni edifici che si trovano in via Domenico di Gravina; qui avevano chiesto di parlare con il titolare dell’impresa, rivolgendogli un’esplicita richiesta di denaro per la “protezione” del cantiere: “Tu ci dai 3000 euro al mese e noi ti facciamo lavorare in tutta tranquillità”. Il primo è stato condannato a sei anni di reclusione per estorsione e rapina aggravate dal metodo mafioso, il secondo a 5 anni e 8 mesi per gli stessi reati. Per entrambi si sono riaperte le porte del carcere di Secondigliano(Internapoli)

Shortlink:

Posted by on 20 marzo 2017. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login