4 direttori in tre anni ,ennesimo cambio di vertice al carcere di Sollicciano

 

Firenze Sollicciano Alsippe 2

Firenze: 4 direttori in tre anni al carcere “detenuti ammassati e spesso scontri” Profondo stupore” e “forti perplessità” per “la notizia dell’ennesimo cambio di vertice” al carcere fiorentino di Sollicciano dove negli ultimi tre anni si sono avvicendati “ben quattro direttori” mentre le “gravi criticità, ulteriormente aggravatesi” nel tempo, “sono rimaste senza soluzione, pur a fronte dei numerosissimi progetti annunciati”. Così, in una nota, l’Osservatorio carcere della Camera penale di Firenze secondo il quale “è ormai evidente come i problemi” che affliggono la struttura”, “più volte e in tutte le sedi possibili” evidenziati e denunziati, “interessino soltanto gli “addetti ai lavori”. Neppure la solerte visita del sottosegretario Ferri – prosegue la nota – è riuscita a fare breccia nel muro dei problemi che la struttura vive, e che evidentemente riflette sulla popolazione detenuta e tutti coloro che ivi lavorano e si impegnano per i soggetti ospitati”.
I detenuti, si spiega, “sono ammassati in celle umide e fatiscenti, costretti a non svolgere attività di alcun tipo, esposti al rischio di gravi patologie e tensioni che sfociano molto spesso in scontri anche fisici. Esistono fondi ingenti stanziati da oltre due anni, ma allo stato non sono mai stati concretamente utilizzati”.
L’Osservatorio rileva anche che il nuovo direttore di Sollicciano, Carlo Berdini, attuale direttore del penitenziario di Parma, “sarà presente nella struttura fiorentina solo per qualche giorno la settimana”. Il carcere fiorentino, si spiega, ha già sperimentato “un direttore part time, e sicuramente (sebbene non certo per incapacità della persona) non è questa la soluzione che ci aspettavamo”.(Il Secolo XIX)

Shortlink:

Posted by on 14 marzo 2017. Filed under News, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login