Troppi detenuti e pochi agenti di Polizia penitenziaria, interrogazione al Ministro della Giustizia Andrea Orlando sul carcere di Ariano Irpino

 

Comincia l'attività politica giovanissimo. Nel 1989 diventa segretario provinciale della FGCI e l'anno successivo viene eletto nel consiglio comunale della Spezia con il PCI; in seguito allo scioglimento del Partito Comunista Italiano, verrà rieletto con il PDS, di cui diviene capogruppo nel consiglio comunale della sua città nel 1993; nel 1995 diventa segretario cittadino del partito, nel 1997, primo degli eletti in consiglio comunale, è nominato assessore dal Sindaco Giorgio Pagano, prima alle attività produttive e poi alla pianificazione territoriale, incarico che svolge sino alle elezioni del 2002.

Carcere, troppi detenuti e pochi agenti ad Ariano.Grave carenza di personale, D’Agostino interpella il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando  “Sono circa 300 i detenuti presenti nel carcere del Tricolle a fronte di un organico che conta 170 unità della Polizia Penitenziaria” Ariano Irpino. “Il carcere di Ariano Irpino, adeguato a contenere detenuti particolarmente problematici, deve essere messo nelle condizioni di operare nella massima sicurezza.La carenza di personale, in particolare per quanto riguarda i quadri intermedi, rischia di creare difficoltà a chi con abnegazione opera in quella struttura assicurando sempre la massima professionalità.” E’ quanto scrive il deputato di Scelta Civica, Angelo D’Agostino, in una missiva indirizzata al Ministro della Giustizia. “Sono circa 300 i detenuti presenti nel carcere del Tricolle – prosegue il parlamentare – a fronte di un organico che conta 170 unità della Polizia Penitenziaria. Un dato rimasto invariato nonostante ci sia stata l’apertura di un nuovo padiglione. Una forza organica che, come recentemente rilevato dallo stesso direttore del penitenziario, era pensata per 180 detenuti, e non per 300, o addirittura 400, così come si paventa per il prossimo futuro.”“La carenza di personale negli istituti di pena – osserva D’Agostino – non è certamente un problema del solo carcere di Ariano Irpino, ma è evidente che le strutture scelte per accogliere detenuti particolarmente problematici devono avere un numero di personale adeguato. L’auspicio – chiude il deputato – è che il Ministero della Giustizia proceda celermente a far espletare i concorsi, in particolare per i quadri intermedi (ispettori e sovrintendenti) la cui carenza è davvero molto preoccupante.”(Ottopagine)

Shortlink:

Posted by on 8 febbraio 2017. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login