Tratti in salvo da una Motovedetta della Polizia penitenziaria, erano rimasti bloccati a Pianosa per il maltempo

motovedetta alsippe

Bloccati a Pianosa per il maltempo La disavventura di otto dipendenti di Igiene Service, sull’isola piatta per la campagna di eradicazione del ratto nero. Sono andati via a bordo di una motovedetta. PIANOSA. Sono rimasti bloccati a causa del maltempo sull’isola di Pianosa, ma per fortuna sono stati tratti in salvo  dagli agenti della polizia penitenziaria. E’ quanto è accaduto a otto dipendenti della ditta elbana Igiene Service, impegnati sAbato scorso in un intervento sull’isola piatta.

“Desidero esprimere un ringraziamento pubblico alla direzione della casa di reclusione di Porto Azzurro, nella persona di  Fancesco D’Anselmo, alla comandante della polizia penitenziaria  Giuliana Perrini, al sostituto commissario Gaetano Librando, all’ispettore capo Vincenzo D’Amico e ai loro collaboratori del servizio navale – spiega la titolare di Igiene Service, Franca Rosso –  per aver recuperato sabato scorso i nostri operatori rimasti bloccati a Pianosa a causa del maltempo”.

Partiti con la nave di martedì scorso per dare avvio alla campagna di eradicazione del ratto nero sull’isola, su commessa del Parco nazionale dell’ Arcipelago toscano, gli otto ragazzi che sarebbero  dovuti rientrare dopo un paio di giorni, sono rimasti isolati in situazione di emergenza, con la prospettiva di dovervi restare a lungo date le pessime condizioni meteo previste anche per questa settimana.

“Ma grazie all’intervento della motovedetta della polizia penitenziaria, partita appositamente sabato

mattina nell’unico spiraglio di poche ore di mare praticabile – racconta Rosso – i nostri operatori sono potuti rientrare all’ Elba. In questo periodo infatti, i collegamenti con l’Isola di Pianosa sono molto ridotti, e quando ci simette anche il cattivo tempo, le situazioni si complicano.(Il Tirreno)

Shortlink:

Posted by on 16 gennaio 2017. Filed under Cronaca, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login