Nuovi ingressi nelle Fiamme Azzurre,ecco gli atleti che entrano a far parte del gruppo sportivo della polizia penitenziaria

Fiamme Azzurre 1

Il pongista bolzanino Jordy Piccolin nelle Fiamme Azzurre .BOLZANO. Jordy Piccolin, diciannovenne pongista bolzanino, ha messo al sicuro la sua attività sportiva per i prossimi anni con l’arruolamento nelle Fiamme Azzurre. Jordy è così entrato a far parte BOLZANO. Jordy Piccolin, diciannovenne pongista bolzanino, ha messo al sicuro la sua attività sportiva per i prossimi anni con l’arruolamento nelle Fiamme Azzurre. Jordy è così entrato a far parte del gruppo sportivo della polizia penitenziaria assieme al diciassettenne piemontese Daniele Pinto ed ai già arruolati Alessandro Baciocchi e Niagol Stoyanov. Il giovane pongista bolzanino fino a due stagioni fa ha sempre giocato per l’Sv Termeno, assieme anche alla sorella Giorgia, poi c’è stato il grande salto in serie A1 con la maglia del Lomellino Cipolla Rossa Vigevano ed anche la crescita agonistica con la scalata delle graduatorie nazionali fino a raggiungere, per ora, il terzo gradino, numero tre d’Italia. Il prossimo impegno sarà con la Nazionale assoluta all’Open di Ungheria dal 17 al 22 gennaio agli ordini del direttore tecnico Patrizio Deniso. Le Fiamme Azzurre hanno ultimato il reclutamento di quest’anno all’interno del loro Gruppo sportivo con 17 nuovi atleti di 11 differenti discipline, e tra queste il tennistavolo con Jordy Piccolin assegnato alla sede di Bolzano, e Daniele Pinto a Novara. «Quando è uscito il concorso – racconta soddisfatto Jordy Piccolin – ho sperato di essere selezionato, anche se sapevo che non sarebbe stato facile. Far parte del gruppo sportivo delle Fiamma azzurre è per me una grandissima opportunità, rappresenta una bella garanzia per il mio futuro e nel presente mi consente di svolgere l’attività sportiva con maggiore tranquillità.È bello sapere di far parte di un Gruppo sportivo militare e cercherò di rappresentarlo al meglio con i risultati, in Italia e nei tornei in giro per il mondo. L’ingresso nel corpo della Polizia Penitenziaria è un’ulteriore stimolo per il 2017. Intanto sono soddisfatto di come sto giocando e mi auguro di proseguire in questa direzione, con l’obiettivo di migliorare la mia competitività anche in ambito internazionale». C’è anche grande soddisfazione nelle parole del presidente della Fitet Renato Di Napoli:«Avere raddoppiato il numero dei nostri atleti all’interno delle Fiamma azzurre è la migliore dimostrazione della considerazione in cui è tenuta la nostra Federazione.La collaborazione è iniziata negli anni scorsi con Marcello Tolu, responsabile del Gruppo sportivo della Polizia penitenziaria. Sono convinto che questa possa essere la base per creare in futuro le condizioni per lavorare insieme in modo sempre più proficuo».(Alto Adige)

 

 

Shortlink:

Posted by on 15 gennaio 2017. Filed under News, Ultim' ora. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

You must be logged in to post a comment Login